Francesco Facchinetti e Conor McGregor: «10 milioni per ritirare la denuncia? Direi di no»

Dai microfoni di Radio 105, Francesco Facchinetti ribadisce la sua posizione contro Conor McGregor e la sua indifferenza ai soldi.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Francesco Facchinetti torna a parlare dell’aggressione subìta nella notte di sabato da parte di Conor McGregor. Lo fa durante il suo programma, in onda su Radio 105, e stavolta mette in chiaro di non essere assolutamente interessato a una soluzione economica.

«Se dovesse chiamarmi l’avvocato di McGregor domani e offrirmi 10 milioni di euro – dice Facchinetti – 10 milioni di euro, 10 santissimi milioni di euro per ritirare la denuncia e per ritirare tutto, io direi di no».

LEGGI ANCHE: Alessandra Amoroso: «Ad oggi sono contenta che le due Ale abbiano fatto pace»

«Non mi interessa nulla dei soldi, non mi interessa nulla dell’hype. – continua poi Francesco – Anche perché ho mal di testa tutto il giorno. Devo portare questo collarino 8 ore al giorno per 16 giorni. Ho un trauma cranico, ho una distorsione alla rachide cervicale che non so neanche cosa voglia dire».

«Questa storia a me non fa piacere. – conclude Facchinetti – Se potessi avere la macchina di Back To The Future tornerei indietro nel tempo e quel sabato, due giorni fa, non andrei lì».

«Questa cosa qua non mi fa piacere. Io porto avanti la denuncia e ne parlo perché non possa succedere ad altre persone. Quello è un uomo altamente pericoloso, vederlo davanti ai tuoi occhi è un altro conto rispetto a leggere di lui. È dannatamente pericoloso per gli altri».