Paolo Bonolis: «Sanremo? Ora non c’è programmazione contro, è più facile»

Ospite di R101, Paolo Bonolis ha ricordato i suoi Sanremo e la contro-programmazione di Mediaset all'epoca.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Martedì 8 febbraio Paolo Bonolis è stato ospite di Facciamo finta che, il programma di Maurizio Costanzo e Carlotta Quadri in onda su R101. Maurizio Costanzo ha chiesto subito a Bonolis che ricordi avesse dei suoi Sanremo. Paolo Bonolis è stato infatti conduttore e direttore artistico del Festival di Sanremo nel 2005 e nel 2009 (la prima vinta da Francesco Renga, la seconda da Marco Carta).

LEGGI ANCHE: Sanremo 2022, i brani che stanno spopolando su TikTok

«Piacevolissimi. – ha replicato il conduttore – Erano Sanremo nei quali bisognava darci dentro per organizzarli, per creare qualcosa di veramente nuovo e spettacolare. Perché avevamo contro tutto. Nel 2005 e nel 2009 avevamo contro la guerra civile perché tutti i programmi migliori di Mediaset erano accesi».

LEGGI ANCHE: Sanremo sbarca subito nelle radio: tredici canzoni in Top 100

«Poi la cosa è cambiata. – continua Paolo Bonolis – Sono contento per loro perché la strada è più semplice, però bisogna impegnarsi meno ora a farlo. Ora non c’è proprio programmazione contro e quindi diventa un po’ più facile. Per quanto poi la cosa devi farla bene, e hanno saputo farla bene tutti, ci mancherebbe altro. Però non c’è più quella tigna che ci vuole per trovare qualcosa che possa sconfiggere anche le velleità dell’avversario».