Sanremo 2021, Irama resta in gara: «Sono mortificato ma la salute è la priorità»

Approvata la modifica al regolamento del Festival di Sanremo 2021: Irama resta in gara ma non si esibisce sul palco. Le parole dell’artista.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Sono state ore di attesa e trepidazione per Irama e il suo team, ma nel pomeriggio di mercoledì 3 marzo, a poche ore dalla seconda serata, è arrivata al conferma. Irama resta in gara secondo le modalità che Amadeus ha anticipato durante la conferenza stampa quotidiana. Per il cantautore, dunque, niente esibizione live sul palco dell’Ariston ma la messa in onda del video della prova generale.

Questo permette all’artista di salvaguardare la partecipazione al festival e rispettare la quarantena a cui è tenuto dopo la positività al Covid dei collaboratori. Con l’appoggio delle discografiche e delle associazioni di categoria, si scioglie dunque il caso che in queste ore ha tenuto tanti con il fiato sospeso.

“La prima cosa a cui pensare è la salute – spiega Irama dalla sua stanza – e spero che stiano tutti bene, al di là della gara. Perché questo è un virus tremendo che va avanti da un anno. Dal punto di vista personale, sono mortificato da una parte e dall’altra sono grato. Sono grato perché sono riconoscente ad Amadeus che mi ha teso la mano. E come lui tutti i management e agli artisti in questo momento di difficoltà non causato da me che mi vede inevitabilmente coinvolto.”

Non nascondo – aggiunge – di essere dispiaciuto e mortificato perché ci tenevo a fare la performance, dietro c’è il lavoro di un team che dura da mesi. Ci tenevo a esibirmi e giocarmi in maniera sana questo festival.

LEGGI ANCHE: Elodie torna a Sanremo: «Vi racconto la mia parte infantile»

“In questo momento, comunque, la cosa fondamentale e prioritaria è la salute. Abbiamo focalizzato l’attenzione sull’organizzare tutto senza mettere in pericolo nessuno – sottolinea ancora il cantautore – Non sono uno stratega e avrei preferito andare sul palco per esibirmi con tutto il mio amore per la musica. È un peccato che non possa fare la mia performance live ma non penso alla classifica.”

Malinconia e rammarico sono evidenti nello sguardo dell’artista, consapevole anche del prezioso aiuto di Amadeus e della comprensione dei colleghi. “Sinceramente non è una situazione facile e non lo è stato decidere – dice  infine il cantautore – Come ho detto sono grato, ma non nascondo il dispiacere di non potermi esibire come volevo.

Le prove non sono la diretta, ed è stato difficile scegliere ma non c’è stato un vero e proprio momento in cui ho pensato se accettare o meno. Abbiamo valutato, con il team, e il sentimento di adesso è gratitudine e dispiacere perché non sarà la performance preparata in tutto questo tempo.”

Foto di Nicolò Parsenziani da Ufficio Stampa MA9Promotion