Londra, il live painting di Camilla Falsini: «Il mio omaggio al Movimento Memphis»

In occasione della Clerkenwell Design Week 2022, il 24 e il 25 maggio si è tenuta la performance live painting di Camilla Falsini.
-
loading

In occasione della Clerkenwell Design Week 2022, il 24 e il 25 maggio si è tenuta la performance live painting di Camilla Falsini, a cura della no profit Yourban2030 e promossa da Iris Ceramica Group.

Un’opera realizzata in diretta e ispirata al Movimento Memphis.

«Abbiamo scelto Camilla Falsini perché, in questi giorni, nello showroom si sta svolgendo una mostra dedicata al movimento Memphis. E Camilla, con le sue forme geometriche e colorate, ha un immaginario in linea con quel movimento degli anni ’80», ci spiega Veronica De Angelis, Presidente Yourban2030.

LEGGI ANCHE: ‘Il Giardino in Ogni Senso’, il 4 e 5 giugno alla scoperta delle aree verdi inedite di Roma

Camilla Falsini e il Movimento Memphis

Nel suo originale live painting su ceramica, la street artist Camilla Falsini – attraverso il linguaggio e i colori ispirati al movimento artistico – ha parlato di transizione ecologica e di nuove soluzioni percorribili, partendo proprio dalla ceramica innovativa di Iris Ceramica Group, azienda che rappresenta il fare impresa in modo sostenibile.

«Per me – ha dichiarato Camilla Falsini – è stato naturale ispirarmi a dei vasi per pensare e realizzare quest’opera che rappresenta quasi due sculture. Lavorando su due lastre di questa ceramica molto scura, lasciando che si vedesse la parte in ceramica, mi sono concentrata nel riempire la parte centrale delle lastre. Passare dal muro alla ceramica è stata un’esperienza particolare. La ceramica è molto liscia e non particolarmente porosa. C’è stato un passaggio tecnico in più. Per il resto però è stato come lavorare su un muro, ma in piccolo, lavorando sulle lastre in verticale».

E, a proposito del Movimento Memphis, Camilla lo definisce un «movimento rivoluzionario, che ha stravolto l’idea del design».

«All’epoca il design era più monocromatico. Nessuno metteva in casa un mobile assurdo o un oggetto di design coloratissimo. Il Movimento non solo ha agito su forme e colori, osando cose che nessuno osava, ma anche nella scelta dei materiali. Hanno iniziato a usare la plastica e materiali più poveri, creando opere che si potrebbero definire alto design. Arte, insomma».