La Lucasfilm Games sta per tornare?

La Disney apre 86 posizioni lavorative per la Lucasfilm Games, azienda videoludica a cui dobbiamo capolavori come Grim Fandango e Monkey Island.

Nell’era della massima espansione del mondo videoludico e degli eSports, probabilmente pochissimi nostalgici ricorderanno ancora dei veri capolavori come Grim Fandango e la saga di Monkey Island. Ma per i fortunati che hanno potuto godere delle prime avventure grafiche, sono esperienze indelebili.

LEGGI ANCHE: Google irrompe nel mondo dei videogiochi

A renderle reali fu negli anni ’80 il fido George Lucas, grazie alla LucasArts, casa editrice di videogiochi che non a caso sfornò anche tantissime avventure ispirate alla saga di Star Wars. Dal 1982 in poi iniziò un vero periodo d’oro per la sforna-videogames di Lucas, che purtroppo andò tuttavia a scemare con gli anni, fino a che – nel 2013 – la Disney (che nel frattempo aveva rilevato l’azienza) ne annunciò la chiusura definitiva.

Qualcosa però deve essere ulteriormente cambiato, perché la voce che circola in questi giorni è proprio quella di una nuova vita della LucasArts, che potrebbe dunque rimettersi in sesto e tornare a gamba tesa sul mercato. Sul sito della Disney, infatti, sono state aperte posizioni lavorative legate alla Lucasfilm Games. Gli annunci sono ben 86 e vanno dalla ricerca di Assistant Producer a quella di Brand Art Coordinator. Va anche detto che il nome Lucasfilm Games risale al 1990, quindi potrebbe trattarsi di un vero e proprio tuffo nel passato. Chiedeteci se siamo felici.

Grazia Cicciotti

Giornalista, serialista, divanista.