‘Sneakerentola’, «un nuovo modo di vedere Principesse e Principi»

'Sneakerentola', su Disney+ dal 13 maggio, alza il sipario su una nuova era disneyana reinterpretando la favola di 'Cenerentola'.
- - Ultimo aggiornamento
loading

È arrivato su Disney+ il 13 maggio Sneakerentola, nuovo film originale prodotto dallo Studio che ha realizzato titoli di successo come Descendants, High School Musical e ZOMBIES. Un musical pop/hip-hop ambientato nella vivace sottocultura sneaker di New York. Una reinterpretazione della favola di Cenerentola in chiave moderna.

LEGGI ANCHE: ‘Mix and Match’, i consigli di stile di Marta Losito: «Non esiste un look sbagliato»

Protagonista è El, un aspirante designer di scarpe da ginnastica del Queens. El lavora come magazziniere in un negozio di sneakers e nasconde il suo talento artistico. Un incontro casuale con Kira King, la figlia della famiglia reale delle scarpe da ginnastica e una sorta di Principessina di Manhattan, fa scattare immediatamente la scintilla tra i due. E, grazie a una spinta da parte del suo migliore amico e con un tocco di magia, El trova il coraggio di allacciarsi le scarpe e sognare.

Sneakerentola

Sneakerentola, «una nuova era»

Chosen Jacobs e Lexi Underwood interpretano rispettivamente El e Kira insieme a un cast vario e di talento che comprende John Salley, Devyn Nekoda, Juan Chioran, Bryan Terrell Clark, Kolton Stewart, Robyn Alomar, Yvonne Senat Jones e Hayward Leach.

«Quando ho letto la sceneggiatura per la prima volta – commenta Lexi in conferenza stampa – mi ha colpito il fatto che fosse una versione moderna di Cenerentola. Stiamo re-immaginando il modo in cui vediamo le Principesse e i Principi. Nel magico mondo delle Principesse Disney, non ne esistono tante che mi somiglino. Non sempre sono riuscita a relazionarmi. E crescendo ci è stato detto che potevamo essere una Principessa o un Boss, ma sempre con un uomo accanto. Ho voluto far parte di questa storia perché quando ero piccola ne ho sentito la mancanza. Credo che sia una nuova era, un nuovo mondo di ricordi per i ragazzi. Le favole della nostra infanzia stanno cambiando e spero che i ragazzi ne restino influenzati».