Stefano Vicario e la regia di Sanremo 2022: «Voglio sottolineare la presenza del pubblico»

Settimo festival di Sanremo alla regia per Stefano Vicario, che quest'anno punta tutto sul ritorno del pubblico in teatro.
-
loading

E sono sette per Stefano Vicario. Sette regie del Festival di Sanremo – compresa l’esperienza prossima del 2022 – dietro le undici telecamere che porteranno le cinque serate nelle case degli italiani.

LEGGI ANCHE: FantaSanremo, torna il gioco virale tra squadre e leghe: le novità

«Quest’anno vorrei riuscire a far una regia opportunista. – dichiara il regista – Nulla di standard, nulla di troppo provato. Ma, d’accordo con Amadeus, una ripresa che lavori sul sentimento che suscita ciò che accade sul palco dell’Ariston e in teatro, dove torna il pubblico».

Una sfida lanciata a se stesso. Ma una sfida anche in termini di audience, considerando proprio il fatto che il pubblico tornerà a essere presente in teatro. Diventando, a differenza dello scorso anno, una delle caratteristiche della sua regia.

«Mi piace pensare – dice – di poter sottolineare, finalmente, la presenza. Per farlo per la prima volta userò un carrello per la ripresa in grado di muoversi in uno spazio di quaranta metri. Una misura importante che servirà a sottolineare il controcampo, la visuale altra della relazione con il pubblico presente».

Ma la sfida sta anche nel far diventare opportunità le limitazioni imposte dal distanziamento.

«La disposizione dell’orchestra, con maggiore spazio tra i musicisti – spiega – mi darà la possibilità di sperimentare un’altra cosa. La ripresa da dentro l’orchestra stessa, un luogo finora sempre impenetrabile, e che quest’anno mi consentirà varchi visuali del tutto nuovi. E, per questo, sarà utilissimo l’impiego del supporto giroscopico del gimbal con ottiche fotografiche molto versatili che consentono movimenti molto fluidi e sono ideali per la ripresa sullo stretto. Per il palco invece tornerà la doppia telecamera montata sullo steady, che lo scorso anno ci ha dato delle belle opportunità di racconto».

L’obiettivo finale resta quello di coinvolgere i telespettatori per tutto il tempo.

«In uno spettacolo così lungo – conclude Vicario – l’usura dell’immagine è sempre in agguato e allora cercherò di modulare la ripresa in base a quanto accade di volta in volta. Una regia flessibile, per la quale so di poter contare su una straordinaria squadra Rai. È un lavoro estenuante, ma quando esci da un evento come Sanremo diventi parente di tutti quelli con cui hai lavorato e non te lo dimentichi per tutta la vita».