Stefano De Martino: «Condurre Sanremo? Magari quando avrò un po’ di capelli bianchi»

Premiato al BCT, il Festival del Cinema e della Tv di Benevento, Stefano De Martino parla di cinema e di televisione.
-
loading

Stefano De Martino è stato premiato al BCT, il Festival del Cinema e della Tv di Benevento, come miglior conduttore della stagione televisiva.  Davanti alla piazza gremitissima, Stefano ha annunciato che presto apparirà in un film, non senza la sua ormai nota ironia.

«Farò un film, una piccola parte. – dice Stefano – Provo a essere il meno possibile me stesso e ad interpretare un ruolo. Non so come verrà però in promozione dirò che è venuto benissimo. Dirò che abbiamo fatto un grande lavoro, che è un film imperdibile. Il film è bellissimo davvero, l’unica pecca potrei essere io. È un esperimento per me perché sono abituato ai tempi della televisione che sono molto più stretti».

«Al cinema – scherza poi – la stessa frase la dici dieci volte. E poi nei film inizi a girare dalla fine. Per noi che facciamo tv è come se entrassi e dicessi Buonanotte a tutti».

Il conduttore sta già preparando il ritorno del programma di successo Stasera tutto è possibile e soprattutto la serata di celebrazione per i 60 anni di Rai2 che si terrà il 4 novembre. Messo di fronte alla possibilità di scegliere tra Sanremo e un film di Sorrentino, però, Stefano sembra preferire la prima opzione.

«Tra la conduzione di Sanremo e un film da protagonista con Sorrentino cosa sceglierei? Per fare Sanremo bene bisogna avere più anni. Se lo faccio ora e lo faccio male, smetterei di fare questo lavoro. – risponde Stefano De Martino – Se faccio un film ora male, smetterei di fare l’attore ma non sono un attore. Quindi proverei a fare un film con Sorrentino. Nella peggiore delle ipotesi smetterei di fare cinema, ma potrei continuare a fare televisione. Per Sanremo ho il tempo dalla mia. Magari lo condurrei a 50 anni. Sanremo è un po’ come la Grande Bellezza. Io vorrei essere Jep Gambardella quindi ho bisogno di un po’ di capelli bianchi».