Ultimo, esce il singolo ‘Niente’ che anticipa il nuovo album: il testo

Dal 15 ottobre è disponibile ‘Niente’, singolo di Ultimo che anticipa ufficialmente il nuovo album ‘Solo’. Testo e audio della canzone.
- - Ultimo aggiornamento
loading

A sette giorni dalla pubblicazione del quarto album di inediti, esce Niente, il singolo di Ultimo che anticipa il nuovo progetto discografico ‘Solo’. Tagliente e attraversato da grandi emozioni, il brano è la testimonianza, quasi lo sfogo, che scaturisce alla fine di una tormentata storia d’amore. Storia dopo la quale, rabbia e risentimento scivolano in una riflessione più ampia che si trasforma in un flusso di coscienza.

Apice dell’itinerario emotivo e musicale di Niente è il verso-manifesto io sono le mie canzoni, nel quale Ultimo risolve e riconosce la propria identità. E proprio quelle parole erano state condivise dall’artista, solo qualche settimana fa, ad accompagnare una foto su Instagram. “Non ci sono veli, ho scritto quello che avevo dentro in modo totalmente sincero”, scrive Niccolò.

“Il mio è un patto d’amore con quello che ho dentro. Oggi, dove tutto dev’essere perfetto, veloce e ‘instagrammabile’, è diventato quasi un tabù dire che non si sta bene”, continua il cantautore. “Quindi me ne frego dei soliti commenti che faranno su quanto sia pesante quello che scrivo, perché la mia forza sarà sempre quella di essere sincero con la mia musica e di far andare in parallelo la mia vita con le canzoni”.

“Io non sono quello che scrive le mie canzoni, io sono le mie canzoni”, conclude Ultimo nel suo post.

LEGGI ANCHE: Ultimo annuncia il nuovo album: ‘Solo’ esce il 22 ottobre

Ultimo: il testo di ‘Niente’

è che da tempo non so dove andare,
provo ad urlare, ma non ho più voce
tu dici “dai, si può ricominciare”,
ma io non ho da offrirti più parole
sì, è vero, tu mi incanti anche se non mi parli,
ma il sole è spento e non lo vedo più da queste parti 
sì, è vero, avevo detto che sarà per sempre
è triste, ma quando mi abbracci non sento più niente

quando mi siedo sopra il tetto del mondo,
mi accorgo di essere il solito che si rifugia nel fondo
di questo stupido e fragile mio disonesto bicchiere
che bevo per mandare giù la parte mia che non si vede
tu parli sempre di tutto, ma non hai mai una ragione
io che sto zitto e subisco, penso a un futuro migliore
certo che cosa ti pensi, che adesso io sia felice?
non vedi che uso il sorriso per mascherar le ferite
io sono il solito stronzo che parla sempre di sé,
ma lo faccio perché tu non veda la parte vera di me
per questo guardami bene che adesso cala il sipario
sai, se la gente si aprisse non esisterebbe il teatro
sarà che devo mentire, mostrare ciò che non sono
vorrei riuscire ad amare, eppure io non mi emoziono
perché sognare mi ha reso una nuvola con i piedi
per questo siamo vicini, ma con diversi pensieri

è che da tempo non so dove andare, 
provo ad urlare, ma non ho più voce
tu dici “dai, si può ricominciare”,
ma io non ho da offrirti più parole
sì, è vero, tu mi incanti anche se non mi parli,
ma il sole è spento e non lo vedo più da queste parti
sì, è vero, avevo detto che sarà per sempre
è triste, ma quando mi abbracci non sento più niente,
quando mi abbracci non sento più niente

vedi che non ci riesco, non sento la stessa emozione di prima
sento che parlo, ma il corpo è diverso e vedo persone che aspettano in fila
sono lì fuori che aspettano tutti, gridano il nome che ho scelto anni fa,
ma il mio non è un nome d’arte, è il nome che ha scelto quel giorno per me la realtà
io che vivevo la vita mia tutta dentro un parcheggio
passavo le ore a parlare coi sogni dentro me stesso
adesso guardo lo specchio, vedo la stessa persona
poi esco fuori di casa e qualcosa in me non funziona
la rabbia che avevo vive tutta dentro questa mia canzone
la vita è un giro di giostra che inverte la direzione
poi il mondo è un posto sbagliato con le giuste intenzioni,
ma io sono quello che ho amato io sono le mie canzoni

è che da tempo non so dove andare,
provo ad urlare, ma non ho più voce
tu dici “dai, si può ricominciare”,
ma io non ho da offrirti più parole
sì, è vero, tu mi incanti anche se non mi parli,
ma il sole è spento e non lo vedo più da queste parti
sì, è vero, avevo detto che sarà per sempre
è triste, ma quando mi abbracci non sento più niente,
quando mi abbracci non sento più niente

è triste, ma quando mi abbracci non sento più niente

Foto da Ufficio Stampa Wordsforyou