Giuliano Sangiorgi e il brano inedito per il compleanno della figlia Stella

Una dedica spassionata e un regalo di compleanno quello di Giuliano Sangiorgi alla figlia Stella, pubblicato sui social.
-
loading

È una dichiarazione d’amore, ma anche un bellissimo regalo di compleanno quello di Giuliano Sangiorgi per la figlia Stella. A mezzanotte, l’artista ha pubblicato sulle sue pagine social un brano inedito dedicato proprio alla piccola Stella, che oggi 3 novembre compie 3 anni.

Il video, commovente nella sua intimità, ritrae la bimba a 3 mesi tra le braccia della bellissima mamma Ilaria Macchia, mentre nel testo del post Giuliano scrive parole dolci per entrambe.

LEGGI ANCHE: Dante Day, Giuliano Sangiorgi canta la Divina Commedia: «Sembra un Canto del futuro»

«Buon compleanno Stella mia! Ti regalo una canzone… – scrive Giuliano Sangiorgi sui social per StellaLa notte ci somiglia, quale stella sei? Tu sai chi è lei?!. Sono passati tre anni dal giorno in cui tutto sarebbe dipeso dalla tua risata contagiosa. Quella stessa risata che ho catturato nei primi tempi nella nostra casa, dove tu sei nata, registrandola, per come potevo, perpetuandola, per come sapevo: con una piccola canzone. Avevi solo tre mesi e ci tenevi sospesi tra un sorriso e un altro. Ci hai contagiato profondamente con la tua allegria spensierata e disinteressata».

«Voglio regalarti questa canzone, piccola come te, alta come te, di tre anni oggi, come te, nata, come te, in quei giorni, tra una poppata e l’altra. – continua Giuliano – Ti guardavo mentre eri attaccata al seno di mamma. E vi ho trovato uguali, identiche e ho sperato che il meglio lo prendessi da lei. Hai una stella come lei che brilla fulgida in ogni notte e saprà indicarti sempre la via migliore, il cielo più grande in cui perdersi e brillare. Prendi da me tutto quello che piace a te, il resto, davvero, prendilo da lei! Che è perfetta e tu sei lei, perfettamente lei. Auguri amore mio! Ora ti canto il mare… di amore che proviamo per te, dal primo istante in cui hai iniziato a splendere forte, fortissimo nei nostri giorni».