Enula, dopo Amici l’EP ‘Con(torta)’: «Con la musica vorrei aiutare le persone»

Dopo l’esperienza ad Amici20, Enula ha pubblicato l’EP ‘Con(torta)’ che contiene anche il brano ‘Impronte’ scritto con Franco126. La nostra intervista.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Reduce dall’avventura televisiva di Amici, la giovane cantautrice Enula si presenta sulla scena discografica con il suo primo EP dall’emblematico titolo Con(torta). Il progetto contiene, tra gli altri, il brano Impronte scritto insieme a Franco126 e prodotto da Dardust. Ma andiamo con ordine e, quando incontriamo la giovane cantautrice via Zoom’, chiediamo subito un bilancio della sua esperienza nella scuola di Maria De Filippi.

Dopo l’uscita dal talent, ci racconta Enula, riabituarsi alla normalità non è stato facile. “È stato come tornare da un viaggio con un altro fuso orario”, ci confessa. “Nella scuola i ritmi erano completamente diversi: ci svegliavamo e studiavamo tutto il giorno, anche proprio la percezione del tempo era diversa”.

“Ad Amici l’apprendimento di una settimana equivale a quello che, al di fuori, faremmo in un mese”, continua Enula. “È stato tutto molto intenso. Quindi, il ritorno è stato impattante, ovviamente, anche perché non sapevo cosa aspettarmi ma devo dire che il riscontro del pubblico è stato bellissimo e molto emozionante. Non mi aspettavo neanche che mi riconoscessero per strada! Invece, mi stanno dando grande amore e anche se il domani è sempre un punto di domanda, l’oggi è bello”:

“L’arte non regala certo una vita facile perché non è mai sicura”, sono le parole di Enula in merito alle paure che nutre in questo momento. “Non è un posto fisso: oggi può andare benissimo e domani no, è fatta di alti e bassi. Questo un po’ mi spaventa però fa parte dell’essere artista. E io vivo di arte, non potrei mai farne a meno”.

LEGGI ANCHE: Deddy: «Avevo paura di non essere capito, ma ognuno ha il suo percorso» 

Con il suo mood artistico ed estetico, Enula ha raccontato un mondo di grande suggestione non sempre immediato da cogliere. “Ad Amici ho portato quello che sono ora, sia per il mio mondo musicale sia per quello estetico”, ci dice. “Il fatto di essere capita è stato una delle mie domande principali. Ti dico che, per come mi conosco, sicuramente manca una bella parte di me e penso di essere stata capita fino a un certo punto ma questo mi basta. So di avere una personalità con tante sfumature che non è facile da far comprendere subito, ma penso che con il tempo questa cosa mi riuscirà. E ho tutto il tempo davanti, io non ho fretta”.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da ENULA (@_enula_)

L’album ‘Con(torta)’ e la collaborazione con Franco126

“Quando ho avuto tra le mani per la prima volta il disco è stato un momento emozionante, ho provato quasi un’euforia”, confessa la giovane artista. “Vedere i sogni materializzarsi e tenerli tra le dita, toccarli, ti fa rivedere tutto il percorso fatto dall’inizio e ti fa rendere conto di quanto sia stato duro. Mi è sembrata quasi una magia e mi sono sentita una principessa. In quel momento ti ricordi del lavoro fatto e insieme ti dimentichi tutta la fatica. E sì ho lavorato sodo e sognato tanto per arrivare a questo disco”.

“Per me Impronte è un pezzo molto importante”, ci spiega quindi Enula. “Intanto per la felicità di essere stata cercata da Franco 126. Sapere che una persona con così grande esperienza e di cui adoro la scrittura mi abbia apprezzato è una vera e propria realizzazione. È una certezza in più, per me che non vivo di certezze perché credo sia sempre bello avere dubbi”.

E ancora: “Avevo iniziato a scrivere il brano all’interno di Amici e una volta uscita ho incontrato Franco 126 per completare il testo. Fra noi c’è stata davvero una bella sintonia ed è stato divertente lavorare insieme. E poi c’è Dardust, che ammiro tantissimo come artista: per me lui è il grande dei grandi. Nell’EP, ho inserito anche un brano in spagnolo a cui tengo molto, anche se non ho avuto modo di farlo ad Amici.

Per me è una cosa importante: ho vissuto un periodo in America e adoro lo spagnolo a livello di suono, ma proprio in generale è una lingua a cui sono molto affezionata. Il mio sogno sarebbe portare quel mio lato fuori Europa: con la musica voglio raggiungere e aiutare più persone possibili. Questo è il mio scopo, cercare di cambiare qualcosa e lavorare con l’arte nel sociale cercando di migliorare, nel mio piccolo, quello che posso. E l’arte, in questo, ha un grande potere”.

Foto di Claudia Comoni da Ufficio Stampa Out Loud