Il Festival del Teatro Medievale di Anagni tra bellezza e sostenibilità

Simone Cristicchi, Giovanni Scifoni, Andrea Buscemi ed Eva Robin's tra i protagonisti del Festival del Teatro Medievale di Anagni.
-
Il Festival del Teatro Medievale di Anagni tra bellezza e sostenibilità

Dal 20 al 27 agosto 2022 torna per la sua 29° edizione lo storico Festival del Teatro Medievale e Rinascimentale di Anagni (FR). Il festival d’eccellenza della Città dei Papi sarà inaugurato con lo spettacolo Paradiso dalle tenebre alla luce di Simone Cristicchi (20 agosto).

Seguirà il 21 agosto L’Avaro, interpretato da Andrea Buscemi ed Eva Robin’s. Il 22 agosto va invece in scena Falstaff e le allegre comari di Windsor, con Edoardo Siravo. A divertirci con Shakespeare per attori anziani il 25 agosto saranno Marco SimeoliFrancesca Nunzi e Daniele Derogatis. Ospite della rassegna il 26 agosto sarà Giovanni Scifoni, con il suo Anche i Santi hanno i brufoli. L’opera lirica, segno distintivo del Festival degli ultimi anni, chiuderà il festival il 27 agosto con Otello, con la direzione del maestro Claudio Maria Micheli.

Per il 2022, sarà quindi la bellezza – in quanto messaggio di sostenibilità e inclusività – l’assoluta protagonista del Festival del Teatro Medievale e Rinascimentale di Anagni. Sul palco un’alternanza di spettacoli in grado di raccontare la realtà che ci circonda con uno sguardo contemporaneo, attraverso le grandi opere del teatro medievale e rinascimentale. O novità che si ispirano a queste epoche storiche.

Festival del Teatro Medievale di Anagni, le parole di Giacomo Zito

«Difendere e diffondere il principio di bellezza progetto sostenibile attraverso i linguaggi del teatro, della musica, della danza, oltre che dei moderni linguaggi multimediali, è il particolare obiettivo che ci siamo dati in occasione di questa XXIX Edizione del Festival. Partiamo avvantaggiati, non c’è dubbio. – dichiara il Direttore Artistico del Festival Giacomo Zito – Basti considerare la straordinaria scenografia urbana, e ancor prima quella naturale, che Anagni offre agli artisti ospiti e al pubblico di appassionati e di turisti, oltre che ai cittadini. Un luogo di grande energia, alimentata dalla preziosissima acqua che scorre sotto la pietra, dalla ricchezza della terra, dal sole che illumina la collina su cui sorge l’antichissima città».

La direzione tecnica è affidata a Peppino Scandorcia e quella teorico-critica, nonché la presentazione, a Gaetano D’Onofrio. Ingresso gratuito, su prenotazione fino ad esaurimento posti. Info: www.comune.anagni.fr.it tel 0775 727852.