L’automotive punta sull’esport: Kia Italia e PG Esports insieme per League of Legends

Kia Italia ha scelto PG Esports e il Summer Split del PG Nationals di League of Legends per collaborare anche in Italia.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Il più celebre torneo italiano dedicato a League of Legends, il PG Nationals firmato PG Esports, è ormai da anni un punto di riferimento. Anche per le aziende che vogliono supportare la scena attraverso collaborazioni mirate. Lo sa bene Kia Italia, che ha visto nel tournament organizer numero uno in Italia il partner ideale per collaborare anche nel Belpaese.

Per farlo, la subsidiary italiana di Kia ha scelto uno dei tornei di punta della stagione competitiva 2022, il Summer Split del PG Nationals di League of Legends, in corso dal 7 giugno. Il torneo vede impegnati i migliori 8 team italiani, tra cui gli Atleta Esports, campioni in carica determinatissimi a difendere il titolo nazionale.

La competizione sta già facendo registrare numeri da record su Twitch, con picchi che sfiorano i 10.800 spettatori contemporanei. Oltre a circa 123 mila ore complessive di streaming guardate solo nelle prime tre settimane.

LEGGI ANCHE: ‘Laboratorio di videogiochi’: un videogame Nintendo come strumento didattico per il coding

Esport, un settore in costante crescita

L’esport a livello globale rappresenta, ormai, un settore appetibile per le aziende che vogliono rivolgersi a un target fondamentale come quello della Gen-z. Un target spesso sfuggente e difficilmente fidelizzabile con i mezzi più tradizionali. Si stima che nel 2022 l’audience di riferimento per il settore crescerà dell’8.7% rispetto al 2021, raggiungendo l’eccezionale cifra di 532 milioni di utenti nel mondo, contribuendo a generare un fatturato complessivo pari a 1.38 miliardi di dollari. Insomma, numeri da capogiro che evidenziano il perfetto stato di salute del gaming competitivo, un trend consolidato non solo a livello internazionale, ma anche italiano. Il mercato nostrano può contare, infatti, su una solida community di circa 1.62 milioni di persone.

«Il sistema esport da sempre si basa su principi come la sportività, il senso di comunità e la condivisione di una passione, caratteristiche che, ormai da anni, portano sempre più persone ad avvicinarsi a questo mondo. – commenta Pierluigi Parnofiello, CEO di PG Esports -Anche in questo senso, il settore si dimostra in grado di attirare l’attenzione di player del calibro di KIA Italia, il primo partner del mondo automotive che si lega a un nostro torneo. Il senso di appartenenza e di fidelizzazione che il gaming competitivo è in grado di assicurare rappresentano un caso più unico che raro nel panorama internazionale. E sempre più aziende se ne stanno accorgendo».