Amadeus presenta ‘Arena ’60, ’70, ’80… e ’90’: «Quarant’anni di musica che ci appartengono»

Dopo il successo raccolto nel 2021, Amadeus torna all’Arena di Verona con un viaggio attraverso quattro decenni di musica. Le parole del conduttore.
- - Ultimo aggiornamento
loading

L’Arena di Verona torna a ospitare il viaggio nella migliore musica dei decenni passati in tre appuntamenti il 12, 13 e 14 settembre 2022. A fronte del successo raccolto con la prima edizione, Amadeus è di nuovo alla guida dello show musicale Arena ’60, ’70, ’80… e ’90 in onda su Rai 1, in prima serata, il 17 e 24 settembre e il 1° ottobre. “Quando Amadeus ha avuto questa idea, partita nel pieno della pandemia, ci siamo messi a disposizione per realizzarla al meglio”, afferma Gianmarco Mazzi, AD di Arena di Verona s.r.l.

E aggiunge: “Ma come tutte le cose sperimentali, sai da dove parti ma non sai dove arrivi. Il successo, invece, è andato oltre le aspettative e da idea è diventata icona anche grazie alla serata sanremese dedicata alla storia della musica italiana. Quest’anno le serate diventeranno tre più una: tre all’arena, una in più rispetto al 2021, e poi siamo convinti che tornerà a ispirare una delle serate del prossimo Festival di Sanremo”.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Giovanna Civitillo & Amadeus 💑 (@giovanna_e_amadeus)

“Sono felicissimo di essere qui, anche per il legame particolare che ho con questa città in cui ho vissuto dai 6 ai 24 anni”, dichiara Amadeus in conferenza stampa. “Amo molto Verona, ho iniziato qui a coltivare i miei sogni e a lavorare nelle radio. Per me, lo scorso anno è stata la prima volta da presentatore all’Arena e riaccadrà quest’anno. Non posso che ringraziare il gruppo di lavoro perché le idee possono esserci ma solo grazie all’entusiasmo e alla professionalità di tutti è possibile realizzare le cose. E tutti ci hanno fatto sentire a casa”.

LEGGI ANCHE : – Ligabue torna all’Arena di Verona per tre concerti evento, gli appuntamenti 2022

Il cast e la musica delle tre serate

Tra i nomi già confermati sul palco dell’Arena di Verona ci sono Gloria Gaynor con I Will Survive, Bonnie Tyler con Total Eclipse of The Heart, Holly Johnson con Relax e Richard Sanderson con Reality per gli Anni ’70 e ’80. Dagli Anni ’90, invece, arrivano gli Aqua di Barbie Girl, Gianluca Grignani con Destinazione paradiso e SNAP! con The Power.

Attese anche due Signore della musica italiana, che rappresentano gli indimenticabili anni ’60 e ‘70: Ornella Vanoni con L’appuntamento e Rita Pavone con Il ballo del mattone. “Il cast è importante e andrà a realizzare una compilation di brani che molti della mia età hanno apprezzato”, spiega il conduttore.

“La cosa bella di queste serate è che ci sono gli interpreti originali con le loro canzoni”, continua Amadeus. “E sono vere e proprie star, italiane e internazionali, che fanno serate in tutto il mondo con migliaia di persone che vanno ad applaudirle. Quest’anno abbiamo aggiunto anche gli Anni ’90 perché sono iconici come i ’60, ’70 e ’80”.

“Ogni decennio ha canzoni che fanno parte della storia delle musica italiana e abbiamo ritenuto giusto includere anche gli Anni ‘’90, come stato anche all’ultimo Sanremo”, aggiunge Amadeus. “Sul palco ci saranno quasi cinquanta artisti, mediamente per due canzoni ciascuno: si canterà e si ballerà molto per quarant’anni di musica che ci appartengono”.

“E si tratta di brani che raggruppano un target che va dai ragazzi, che conoscono perfettamente queste canzoni, alle persone più mature. L’Arena, poi, torna a capienza piena per tre serate di grande gioia e di festa”, promette infine il presentatore. Sono già disponibili sul circuito TicketOne i biglietti in prevendita per assistere alle tre serate.

Foto Kikapress