‘Maker Music’, Andrea Lai alla direzione artistica: «Indaghiamo l’errore nella creatività»

Conto alla rovescia per la tre giorni 2021 di ‘Maker Faire Rome’ che torna con la sezione dedicata alla musica diretta da Andrea Lai.
-
loading

Cresce l’attesa per Maker Faire Rome – The European Edition 2021, la tre giorni al Gazometro di Roma che dedica un’intera sezione al making della musica. Dall’8 al 10 ottobre, infatti, Maker Music è lo spazio della manifestazione che presenta sessioni online e performance in presenza con musicisti, addetti ai lavori e appassionati.

A raccontare le nuove frontiere del “fare musica” oggi sono attesi tanti nomi di primo piano, da Max Cassacci a La Rappresentante di Lista a NAIP tra talk, podcast e showcase. Nel ruolo di direttore artistico c’è Andrea Lai – musicista, dj, consulente discografico, designer di intrattenimento e giornalista – che così racconta il tema al centro di Maker Music 2021.

“Il tema dell’errore ci è venuto in mente annusando un po’ l’aria”, spiega Lai . “Ci siamo resi conto che sbagliare spesso è visto come un peccato, qualcosa di molto grave. Invece, in molti casi, in creatività l’errore ha dato spunto per intuizioni e scoperte che hanno cambiato il corso dell’arte. Musica compresa”.

LEGGI ANCHE: Tiromancino, ‘Ho cambiato tante case’: «Sperimentazione, famiglia e nuovi eroi del cantautorato»

E proprio sul terreno musicale, il direttore artistico sottolinea l’aspetto sfidante del tema. “In un momento in cui la musica è molto tecnologizzata, è interessante vedere se c’è ancora spazio per l’errore. Quanto l’errore sarà ancora foriero di novità e di fraintendimenti creativi? Per indagare questi aspetti abbiamo spaziato dall’errore tecnico, più pratico, a quello più concettuale e filosofico”.

Cuore di Maker Music sono le Cubo Sessions, un vero e proprio luogo di “incontro fra le arti nella ricerca di un linguaggio condiviso”. “Il Cubo – continua Andrea Laia – è il playground, il campo in cui la video crew Studio Clichè e i musicisti NAIP, La Rappresentante di Lista e Max Casacci (Subsonica) si incontrano, non per trovare un territorio comune, ma per scoprire un nuovo territorio”.

Crediti foto: Maker Music via Ufficio stampa HF4