Vittoria Puccini: «Il catcalling è una molestia»

Ospite di 'Da Noi... A Ruota Libera', Vittoria Puccini difende Aurora Ramazzotti e commenta il dibattito sul catcalling.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Ospite di Da Noi… a Ruota Libera su Rai, Vittoria Puccini dice la sua sul catcalling. L’attrice, protagonista della serie La Fuggitiva su Rai1, si schiera senza mezzi termini con Aurora Ramazzotti, criticata per averlo denunciato.

LEGGI ANCHE: Tiziano Ferro: «La violenza sulle donne è anche psicologica»

«Trovo che abbia profondamente ragione. – dice subito Vittoria Puccini commentando il dibattito sul catcalling – È una cosa che ho vissuto anche io sulla mia pelle e che mi ha sempre dato più che fastidio. L’ho sempre trovata una violenza, un’aggressione. Verbale, certo, ma le aggressioni non devono essere per forza solo fisiche. Soprattutto per il senso di disagio che mi lasciava da ragazzina quando mi dicevano le cose per strada o dalle macchine. A volte mi è capitato che gli uomini mi fischiassero».

Vittoria Puccini poi conclude: «Sono atteggiamenti non giustificabili e trovo molto giusto che Aurora li abbia denunciati, perché siamo sempre nell’ambito del non rispetto della donna. Ma chi te l’ha chiesto di fischiarmi dietro? Chi ti ha chiesto di farmi un complimento? Non è voluto, non è ricercato».

LEGGI ANCHE: Cesare Cremonini: «La musica italiana sta cambiando al femminile»

«È una molestia – dice Vittoria Puccini sul catcalling – soprattutto su una ragazza giovane che magari non ha la forza di farsela scivolare addosso. Anche se vale per tutte, pure se hai 40 anni».

Video: www.raiplay.it