Cesare Cremonini: «La musica italiana sta cambiando al femminile»

Il cantautore bolognese, fresco 41enne, ha twittato una riflessione sulle donne nell’industria della musica: ecco le sue parole.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Cesare Cremonini ha appena spento quarantun candeline raccogliendo l’affetto social di migliaia di persone. Nella giornata di sabato 27 marzo, infatti, il cantautore bolognese ha festeggiato il compleanno e non ha mancato di ringraziare fan e colleghi per i pensieri inviatigli commentando con l’entusiasmo poetico che lo caratterizza. “Gli anni se ne volano via, e ‘non ce n’è uno che ritorni’. Ma 41 non sono nulla in confronto alla vita che ho avuto e alla voglia di divorarne ancora”, ha postato su Instagram.

Spostandoci, invece, su un altro social – su Twitter – Cremonini ha condiviso una riflessione in merito all’industria discografica del nostro Paese. “La musica italiana da alcuni anni sta cambiando al femminile. Con costante successo. – ha scritto nella mattinata di lunedì 29 marzo – Sempre più donne alla guida di progetti e artisti. Sempre più donne in ruoli chiave e di responsabilità. È importante raccontarlo perché non sono parole ma un fatto concreto.

Molte di loro hanno fatto una lunga difficile gavetta scontrandosi con un mondo complicato. Nelle multinazionali della musica non è ancora un fatto compiuto ma gli artisti hanno, con le loro scelte in prima persona, mostrato un punto di svolta e di spaccatura con il passato”.

LEGGI ANCHE: Giuliano Sangiorgi canta la Divina Commedia: «Sembra un Canto del futuro»

Un’osservazione, quella di Cremonini, che tocca un nervo scoperto della discografia nella quale lo spazio per le donne è ancora estremamente contratto. E se l’impegno per una maggiore equità che è semplicemente meritocrazia parte dagli artisti stessi, il sistema pare essere sempre più attento e lavorare in tale direzione.

Pensiamo, ad esempio, all’iniziativa promossa da TikTok, che coinvolge artiste e figure professionali femminili che operano nel mondo della musica. Un modo per fare rete e condividere competenze lasciando da parte rivalità che (diciamolo) non mancano in nessun ambiente.

La riflessione di Cesare Cremonini, tra l’altro, arriva dopo un altro tweet ‘al femminile’ in cui il cantautore ha condiviso la stima per Malika Ayane. ‘So come lavori – ha cinguettato – Come vivi la musica. Come l’hai incontrata. Il valore che riconosci a quella degli altri. Oggi è uscito il tuo nuovo album ‘Malifesto’. È un lavoro bellissimo, immediato, pop. Il tuo più bello”.  Che bella la musica, quando è arte.

Foto di Cristiano Zabeo – Photographer via Ufficio Stampa