VMAs 2020: Dua Lipa e Harry Styles non ci saranno, perché?

Tra i tanti nomi noti sul palco degli MTV VMAs 2020 il 30 agosto spicca l’assenza di due star: Dua Lipa e Harry Styles. Perché non ci saranno all’evento?
- - Ultimo aggiornamento
loading

Da Lady Gaga con Ariana Grande ai Black Eyed Peas, da Miley Cyrus a J Balvin, Maluma, BTS, DaBaby e CNCO. Tante, e tali, sono le star della musica che si preparano a calcare il palco dei VMAs 2020, i premi di MTV in programma a New York domenica 30 agosto.

Eppure, tra i nomi celebri spicca l’assenza di due grandi protagonisti musicali degli ultimi dodici mesi. Parliamo di Dua Lipa, che con il suo ultimo album ha infranto svariati record, e di Harry Styles, apprezzatissimo con il suo secondo progetto solista. Come mai non saranno presenti al grande evento?

Secondo alcuni siti il “gran rifiuto” sarebbe da attribuirsi all’esclusione dei due artisti dalle nomination più importanti. Se, infatti, Dua e Harry si sono portati a casa alcune candidature (trovate qui l’elenco completo), nessuno dei due figura tra le categorie più ambite (Best of the Year, Song of the Year, Artist of the Year e Best Pop per esempio).

LEGGI ANCHE: MTV VMAs 2020, Lady Gaga per la prima volta live con ‘Chromatica’

La cosa ha fatto subito infuriare i fan e forse ha destato un certo disappunto anche negli stessi protagonisti che, per questo, avrebbero rifiutato l’invito a partecipare. A fare un po’ di chiarezza sulle ragioni della duplice assenza ci ha pensato, però, il portale Pop Crave che ha riferito quanto segue:

Le superstar Harry Styles e Dua Lipa hanno declinato l’invito a esibirsi ai VMAs, ma le loro decisioni sono state prese prima che fossero definite le nomination.

Non si tratterebbe dunque di ripicca ma resta l’amaro in bocca, almeno per i fan. Lo show si preannuncia, come sempre, grandioso e quest’anno vuole onorare gli Everyday Heroes: Frontline Medical Workers, ovvero medici e operatori sanitari che, attraverso inedite performance improvvisate, hanno sostenuto i colleghi e la gente comune nelle settimane di maggiore emergenza sanitaria.

Foto Kikapress