Alex Britti diventa maestro di chitarra via social: le lezioni su Instagram

Si moltiplicano le iniziative degli artisti italiani sui social: tra concerti, letture online e lezioni a distanza. Ecco l’idea di Alex Britti.
- - Ultimo aggiornamento
loading

In tempi di isolamento e normative restrittive per ridurre il contagio da Coronavirus, gli artisti stanno regalando tanti momenti live grazie ai social. E sul web le competenze diventano condivise. Dai concerti casalinghi come quelli offerti da Gianna Nannini, Nek, Paola Turci e Gigi D’Alessio fino alle lunghe dirette, tra musica e chiacchiere, di Jovanotti.

E tra le iniziative più originali c’è quella di Alex Britti che dai suoi profili ufficiali ha annunciato di voler dare lezioni di chitarra online. “Venerdì alle 17:00 su questi schermi una diretta instagram speciale… vi do #lezionidichitarra”: questo il post con tanto di hashtag #iorestoacasa e #iosuonodacasa.

Siamo a casa, restiamo in casa e cerchiamo di farci un po’ compagnia.

Nella clip video che supporta le parole c’è anche un ospite “speciale”, il primo allievo di Alex Britti: si tratta del piccolo Edoardo, figlio del musicista, che si fa sentire e vedere passando davanti all’obiettivo. E interrompe la registrazione mentre papà sorride divertito.

LEGGI ANCHE: Levante, ‘Andrà tutto bene’: il messaggio cantato sui social

Inoltre, il chitarrista sostiene la campagna solidale #iodonodacasa promossa dall’Associazione Nazionale Italiana Cantanti. È possibile donare al numero solidale 45527 con un SMS del valore di 2 euro. Da telefono fisso, invece, si possono donare 5 € o 10 € con Tim, Vodafone, WINDTRE, Fastweb e Tiscali; 5 € con TWT, Convergenze, Poste Mobile. I fondi raccolti sono destinati ad aumentare le unità posti letto rianimazione all’Ospedale Niguarda di Milano.

Non solo musica. Un attore come Lino Guanciale, per esempio, ha deciso di leggere un romanzo ai suoi fan in occasione di una serie di appuntamenti su Instagram mentre l’influencer Giulia De Lellis non manca di intrattenere le fan con consigli su make up e benessere. Insomma: la tecnologia ci fa sentire più vicini.

Foto Kikapress