Fabio Rovazzi, il nuovo singolo ‘Niente è per sempre’: testo e audio della canzone

Dopo l’anteprima in radio, è disponibile su tutte le piattaforme digitali ‘Niente è per sempre’, nuovo singolo di Rovazzi. Leggi il testo e ascolta il brano.
- - Ultimo aggiornamento
loading

È approdato in anteprima radio esattamente il primo giorno dell’anno e dal 3 gennaio è anche su tutte le piattaforme digitali. Il 2023 di Fabio Rovazzi si apre con Niente è per sempre, il singolo che segna il ritorno musicale dell’eclettico artista. Scritto insieme con la collaborazione di Paolo Antonacci e composto e prodotto da Davide Simonetta, il brano vede Rovazzi solista a sei anni dalla traccia precedente senza featuring. La provocazione con cui gioca seriamente è una lente con cui guardare alla società, fra rime taglienti e descrizioni più leggere.

Anche in questo senso, il singolo ambisce a segnare un nuovo e più matura passo nella carriera di Rovazzi che decide di dare anche maggior peso alle parole. Una canzone da ascoltare più che da ‘vedere’. E non è un caso che, per la prima volta, non è previsto un video, decisione certamente controcorrente a maggior ragione per un videomaker come Fabio. “Qualunque videoclip avrebbe svalorizzato il testo”, ha spiegato in un’intervista a RTL 102.5.

Fabio Rovazzi
Cover singolo da Ufficio Stampa RED COMMUNICATIONS

“Per il futuro continuerò a fare i video e continuerò a fare musica”, ha poi rassicurato. “Sono sempre stato legato alla leggerezza,  invece con questo brano mi sono convinto a fare qualcosa di diverso. […] È un pezzo liberatorio e lo considero un passo in avanti per la mia carriera”. Niente è per sempre nasce, infatti, dall’esigenza di sottolineare quanto spesso ci soffermiamo sulle banalità fermandoci alla superficie delle cose. E, infatti, Rovazzi si chiede, e ci chiede, provocatoriamente: Dell’elmo di Scipio nessuno sa niente?

LEGGI ANCHE: — Baustelle, ‘Contro il Mondo’ fuori il 5 gennaio: «Il nostro ritorno al criticismo e al rock and roll»

Fabio Rovazzi: il testo di ‘Niente è per sempre’

C’è qualcuno che si ammazza,
Ho la soluzione in tasca,
Non chiamo l’ambulanza, filmo.
Mi sono tagliato con la carta,
Il panino ha troppa salsa,
Chissà come si sta, in Ucraina.

Non succederà più, almeno per me,
Che il tempo che ho lo uso per:
ostinarmi a dare un senso a tutto quando poi banalmente…

Dell’elmo di Scipio nessuno sa niente?
Che fine hanno fatto i banchi a rotelle
Che fine hanno fatto:
La mia voglia di sport,
Achille e Boss Doms,
I russi e gli yacht,
I soldi che ho,
Tutto in bollette

Niente è per sempre…

Quanti libri ho letto oggi, zero.
Il mio Angela custode è, Piero.
E con la cannuccia in carta,
bevo succo d’arancia,
Si ma da una bottiglia in plastica

Non succederà più, almeno per me
Che il tempo che ho lo uso per:
Ostinarmi a dare un senso a tutto anche se poi banalmente

Dell’elmo di Scipio nessuno sa niente?
Che cosa c’è dentro nell’ammorbidente?
Che fine hanno fatto:
tutti gli orsi del nord,
Le hit reggaeton,
l’ossigeno a Hong Kong,
I soldi che ho,
Nelle macchinette

E ora vedo dall’alto del nuovo terrazzo
Il palazzo di fronte più alto

Mi sveglio la mattina
Più stanco di prima
A volte penso che la vita
Sia proprio putta…

Nanana,
Nananana,
Nanana,
Nananana, (x2)

E va bene così,

Niente è per sempre.

Pensiamoci dopo,
Rimandiamo a settembre

Ma l’elmo di Scipio
Cos’è veramente?

Foto da Ufficio Stampa RED COMMUNICATIONS