Ateez, l’inizio di una nuova era con ‘Zero: Fever Part 1’

Inizia una nuova era per gli Ateez con l'album 'Zero: Fever Part 1'. «Racconta la storia di un tempo precedente a quello di Treasure» dice la band.
-

Con l’album Zero: Fever Part 1, gli Ateez chiudono ufficialmente l’era di Treasure per dare inizio a un nuovo capitolo della loro storia musicale. La prima parentesi si apre il 29 luglio del 2020 con l’uscita del mini-album, che contiene sette canzoni, e la pubblicazione su YouTube del video di Inception.

Una data non casuale, quella del 29 luglio, considerando che l’album si apre proprio con la intro Dear Diary: 2016.07.29, che porta gli ascoltatori indietro nel tempo.

«Il 29 luglio – recita il testo – il tempo è bello. Un adulto mi ha chiesto Qual è il tuo sogno, come se i miei sogni potessero spiegare chi sono. Quando gli ho detto che non avevo sogni, il suo sguardo era quello di un bambino senza volto, uno sguardo familiare».

LEGGI ANCHE: JungKook pubblica la cover di ‘10,000 Hours’ (con una dedica agli ARMY)

La gioventù è, del resto, un tema portante del nuovo progetto, approfondito nella seconda traccia Fever, primo teaser ufficiale dell’album. Il 2 luglio, sull’account Twitter degli Ateez è infatti stata pubblicata una foto con la frase Maybe we’re living younger, that’s why we’re fever”, proprio per anticipare l’album Zero: Fever Part 1.

«Questo album racconta la storia di un tempo precedente a quello delle storie della serie Treasure – ha raccontato la band, come riporta AllKPop – prima che iniziassimo il nostro viaggio per scoprire i nostri tesori. Abbiamo provato a dipingere l’immagine di adolescenti pieni di gioventù, passione e fervore. Ci piacerebbe che le persone dicessero Gli Ateez sono stati capaci di creare un concept simile?».

«Penso che niente sia più importante per gli otto membri di portare avanti la promozione in sicurezza e senza infortuni. – ha dichiarato Wooyoung sugli impegni futuri della band – Inoltre, vogliamo che i nostri ATINY siano felici mentre ci guardano».

«Vorrei che il nostro team – ha concluso Jongho – sia più conosciuto tra il pubblico, e mi piacerebbe anche vincere un premio in un programma musicale se possibile».