Matteo Romano racconta ‘Apatico’: «Ironico e perfezionista, sono il mio peggior critico»

La primavera di Matteo Romano è nel segno di ‘Apatico’, brano leggero tra (auto)ironia e riflessione che racconta un’intera generazione.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Se ripensa solo a un anno fa, Matteo Romano ricorda l’esame di maturità e le prime esibizioni sul palco come opening di Emma. Oggi, a dodici mesi di distanza, ci sono un Doppio Disco di Platino (Concedimi) e un Disco di Platino (Virale), una partecipazione al Festival di Sanremo e un tour in arrivo. “Adesso sto per fare le mie prime date da solo e ne sono veramente contento anche perché finalmente potrò confrontarmi con un pubblico mio al 100%. E poi, rispetto all’anno scorso, penso che sia cambiata tanto la mia visione sulle cose”.

“Ero diversissimo da quello che sono adesso – si spiega meglio il giovane artista – per quanto io sia rimasto lo stesso, è cambiata la mia visione. Più che altro penso di essere cresciuto tanto e Sanremo, sicuramente, mi ha dato tanta consapevolezza di quello che voglio fare e di quello che voglio diventare. Il festival mi ha fatto passare da 50mila follower su Instagram a 150mila in pochi giorni. È stato grande come impatto, soprattutto perché tutto in una volta; sento più responsabilità ma anche più modo di sperimentare e navigare in nuovi generi e stili”.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da MATTEO ROMANO (@romanomatteo_)

E mentre continua la fortunata scia di Virale, Matteo Romano è tornato con il nuovo singolo Apatico, scritto con Riccardo Scirè e Adel Al Kassem. “È stato con scritto in una giornata d’estate dell’anno scorso, a Milano, anzi è nato ancora prima di Virale”, ci racconta. “È un brano che parla di me al 100% e racconta di come mi vivo certe situazioni in cui non riesco ad ascoltarmi o capire le mie emozioni. In questo brano mi dico che va bene così, che ci sta e che anche se non riesco ad ascoltarmi non significa che sono apatico”.

LEGGI ANCHE : – Ed Sheeran, dal 6 maggio la versione di ‘2step’ feat. Ultimo

‘Apatico’ tra ironia, autoironia e perfezionismo

“A volte divento una persona anche un po’ fredda, perché nel momento in cui non riesco a leggermi mi blocco”, continua Matteo Romano a proposito delle emozioni portate in musica nel nuovo singolo. “In Apatico voglio ironizzare su questo mio lato. Sono una persona molto ironica e autoironica, cerco sempre di sdrammatizzare quello che vedo attorno. E penso che sia una caratteristica di tutta la Generazione Z per cui ogni cosa che viviamo o vediamo diventa meme”.

Ma il giovane cantautore deve anche fare i conti con un perfezionismo che fa rima con rigore, impegno e una severità a volte anche eccessiva con se stesso. “Sono il mio peggior critico! Ed è un’arma a doppio taglio perché, da una parte, mi permette di essere sempre aperto nel mettermi in discussione ma, dall’altra, mi lascia sempre aperto ai giudizi soprattutto miei. E mi capita di essere fin quasi cordiale o gentile con le altre persone quando con me stesso sono il primo a non esserlo. Ma la cosa bella è essere consapevoli per riuscire a gestire anche questo aspetto al meglio”.

A proposito di Generazione Z, Matteo è stato di recente protagonista in due contesti molto importanti. In Piazza San Pietro si è esibito in occasione dell’incontro del Papa con i giovani e si è confrontato coi coetanei a Verde Giffoni. “L’esibizione a Piazza San Pietro e la partecipazione a Giffoni sono state due occasioni molto stimolanti perché mi hanno permesso di mettermi in una posizione diversa. Ho portato la mia esperienza e la mia visione, e questo mi è piaciuto molto anche nel confronto con i ragazzi che ho incontrato”.

“Essere stato scelto con Blanco per esibirmi in Piazza San Pietro è stato pazzesco, è stata responsabilità e orgoglio nel rappresentare noi giovani”.

LEGGI ANCHE : – ‘Music For The Planet’, al via la raccolta fondi green promossa da Elisa

Dalle cover su TikTok al tour estivo

Ma se c’è un palco che è stato un vero e proprio riscatto per Matteo Romano è quello del Teatro Ariston. “Mi è piaciuto il fatto che molte persone mi abbiano detto che non si aspettavano che sarei riuscito a gestire il palco di Sanremo bene come l’ho gestito. Questa cosa mi dà tanto orgoglio perché è un aspetto su cui ho lavorato tanto e su cui tendo ancora a voler lavorare, da perfezionista quale sono. Soprattutto dal punto di vista dei live vorrei arrivare al livello di performance ancora più alto”.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da MATTEO ROMANO (@romanomatteo_)

“Nel pre-Sanremo, soprattutto, ho sentito un po’ il preconcetto legato al fatto che arrivassi da TikTok”, ci spiega Matteo .”Forse anche per quello i complimenti che mi sono piaciuti di più sono stati quelli sull’esibizione. Volevo dimostrare di essere un cantante a tutti gli effetti e che non ero lì solo per un paio di video su TikTok. Ho qualcosa da dire e da dimostrare”.

E ora si guarda all’estate, ai live e a nuovo inedito da presentare. “Al tour mi sto preparando insieme alla mia band”, ci anticipa. “Saremo una formazione molto minimal e semplice, anche come stile, con una bassista, un tastierista e una postazione pad per l’elettronica. Non vedo l’ora di potermi confrontare con il mio pubblico; sono veramente contento ed emozionato di potermi raccontare su un palco tutto per me”.

Foto da Ufficio Stampa ABOUT