‘Gli Sciacalli’ di ‘Pechino Express’, Fru e Aurora Leone: «Un viaggio libero dopo anni di chiusura»

Fru e Aurora Leone dei The Jackal sono ‘Gli Sciacalli’ della nuova edizione di ‘Pechino Express’ in onda su Sky: la nostra intervista.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Gianluca Colucci in arte Fru e Aurora Leone sono ‘Gli Sciacalli’ della prima stagione di ‘Pechino Express’ in onda su Sky. Come descrivono la loro esperienza nell’adventure game che li ha portati lungo la Rotta dei Sultani? “Stancante, intensa e divertente”, concorda la coppia dal collettivo The Jackal. Ma specifica anche: “in questo ordine, però!”. E, in effetti, la prima tripletta di aggettivi includeva un assai significativo “stancantissimo”.

LEGGI ANCHE : – ‘Gli Indipendenti’ di ‘Pechino Express’, Bugo e Cristian Dondi: «Ci siamo sentiti esploratori»

“Il mio test sulla personalità mi definisce un mediatore, uno scopritore, una persona pronta alla scoperta”, spiega Fru sorridendo. “Questo ci ha convinto a partecipare!”. “Certo, poi, avere la possibilità di fare un viaggio in maniera così libera dopo anni di chiusura è stato l’incentivo che ci ha fatto partire”, aggiunge Aurora. “Ovviamente dopo il test della personalità di Fru”.

“A ‘Pechino Express’ ho scoperto la grande sensibilità di Fru! – afferma Aurora – Nonostante nella famiglia The Jackal il suo personaggio odia gli altri e il mondo. Anche lui ha un cuore!”.

Pechino Express Sciacalli
Foto da Ufficio Stampa Sky

“L’amicizia che ci lega – continua Gianluca – ci aiutato a sopportarci e sollevarci. Noi poi lavoriamo in una squadra quindi l’appoggio l’uno dell’altro sono le chiavi per il nostro team work”. “E aggiungo che un altro nostro punto di forza è stata la capacità di saper ridere di tutto”, chiosa Aurora. “Questo ci ha permesso, anche nei momenti di difficoltà, di non perdere mai un occhio esterno che ci faceva ridere. E vi assicuro che è stato davvero divertente vederci in queste disavventure”.

“Un nostro punto di forza, da non dimenticare, è legato ai nostri corpi statuari. Ci hanno consentito di fronteggiare ogni avversità”, sorride Fru.

Più gara o più divertimento dunque? “Le due cose sono strettamente collegate perché chi perde va via”, spiega Colucci. “Il motore che si deve avere per affrontare ‘Pechino Express’ è voler vincere ma per poter vedere sempre più cose”. “Se dovessimo racchiudere in una foto quest’esperienza sarebbe uno scatto nel quale io sollevo Fru tra le mie braccia e gli dico che andrà tutto bene”, conclude sorridendo Aurora.

Foto da Ufficio Stampa Sky Italia