‘Tutta colpa di Freud’, la serie. Ravello: «Abbiamo affrontato molte sfide»

Il 26 Febbraio è arrivato su Amazon Prime Video 'Tutta colpa di Freud', la serie diretta da Rolando Ravello. Abbiamo incontrato il cast.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Tutta colpa di Freud, la serie diretta da Rolando Ravello, è sbarcata su Amazon Prime Video dal 26 febbraio. Nel cast di questa moderna commedia familiare troviamo Claudio Bisio, Claudia Pandolfi, Max Tortora, Caterina Shulha, Marta Gastini, Demetra Bellina e Luca Bizzarri.

Tutta colpa di Freud, la serie.  Ravello: «Abbiamo affrontato molte sfide»

LEGGI ANCHE: Laura Pausini vince il Golden Globe: «Dedico questo premio all’Italia»

Una commedia familiare, dicevamo, che racconta la difficile condizione di uno psicanalista che – nonostante abbia successo nel suo lavoro – ha difficoltà di comunicazione con le sue tre figlie e la gestione dei loro problemi. La serie è l’adattamento televisivo del film omonimo diretto da Paolo Genovese nel 2014, ma per Rolando Ravello non è stata la prima volta nell’affrontare un lavoro del genere.

Abbiamo incontrato virtualmente regista e cast. La sfida più difficile? Non ce n’è stata solo una, ma molte, come racconta Ravello.

«Se ne parliamo artisticamente, la sfida più difficile (che in parte ho vissuto anche con Immaturi) è quella di rispondere al sogno di una persona. Perché Tutta colpa di Freud nasce dall’anima di Paolo. E in questo riuscire a metterci del mio. Se ne parliamo da un punto di vista tecnico e burocratico… abbiamo vissuto di tutto. Lockdown, pandemia, gravidanze… fino purtroppo a questi giorni che vedono Claudio Bisio assente all’attività stampa perché purtroppo ha contratto il Covid».

Il rituale del vedere la puntata di una serie potrebbe essere paragonato ad una sorta di seduta terapeutica?

«Assolutamente si! – risponde Claudia Pandolfi – Come fruisci una serie la dice lunga su come sei».

Per scoprire che tipo di utenti sono loro, non vi resta che vedere la nostra video intervista, mentre l’appuntamento con la serie è su Amazon Prime Video.

Crediti foto@Andrea Miconi