Exotique: riprendono le passeggiate poetiche

Dal 30 ottobre all’1 novembre 2021 Le Passeggiate Poetiche di Exotique ci portano alla scoperta dell’Agro Pontino. Un’occasione per conoscere i borghi antichi di Meanza e Sonnino e l’ecosistema palustre del lago di Fogliano.
-
Exotique: riprendono le passeggiate poetiche

Le Passeggiate Poetiche del prossimo week-end, sotto la guida e la cura dell’Aps Exotique, condurranno i camminanti alla scoperta dei meravigliosi borghi antichi di Maenza (sabato30 ottobre) e di Sonnino (domenica 31) oltre a segnare un ritorno al Parco Nazionale del Circeo (lunedì 1 novembre), il cui patrimonio artistico e culturale ha ispirato e aiutato a sviluppare questa particolare forma di turismo esperienziale che ha da subito preso il nome di Passeggiata Poetica. A distanza di oltre 10 anni dall’intuizione di Lecizio Parlagreco, presidente dell’associazione, si torna al Lago di Fogliano per una immersione in quello che è l’ecosistema palustre più importante d’Italia. Le dune e il Lago di Fogliano garantiranno la giusta chiusura di una tre giorni intensa e ricca di stimoli, con l’Agro Pontino attraversato dai monti al mare. Sabato 30 ottobre percorrendo una delle tappe del Cammino della Regina Camilla lungo la Valle dell’Amaseno, straordinario territorio sia da un punto di vista naturalistico che culturale, si arriva a Maenza, passando dall’immersione nella natura al centro storico medievale, ai suoi scorci e ai vicoli che conducono alla Loggia dei Mercanti, dove si potrà assistere al concerto frutto dell’incontro tra la musica di Massimo Gentile, al pianoforte, e le letture di Francesco Petrianni. Parole e musica incastonati esattamente tra gli archi panoramici della Loggia. Brani musicali di Scarlatti, Bach, Rossini, Ferretti e De André. Letture di Orazio, Nietzsche, Cioran e Pasolini aventi come filo conduttore, pensieri attorno alle virtù. Domenica 31 ottobre la Passeggiata Poetica sui Monti Ausoni porta i camminanti dal Cerreto al Monte Ceraso e prosegue per i vicoli del borgo medievale di Sonnino, luogo di grande fascino e teatro di storie che si perdono nella memoria. Qui il collettivo noMade si presenta all’appuntamento con L’Altro Passo, performance partecipativa di narrazione che si avvale della partecipazione di due fini conoscitori di queste terre: Francesco Pennacchia con Calcarea – l’oracolo della roccia ci mostra la bellezza di una lezione viva di geologia, svelando i segreti dei Monti Ausoni dalla loro formazione e lungo le ere, e Gioele Grenga che con L’odore dei lecci ci guiderà sulle tracce dei briganti e del loro vivere alla macchia. Lunedì 1 novembre l’appuntamento è sulle sponde del Lago di Fogliano, nel Parco Nazionale del Circeo, centro dell’ecosistema palustre più importante d’Italia definito “Zona Umida di Interesse Internazionale”. È questo uno dei cinque ambienti, il più caratteristico, dell’area protetta, di quella che da sempre è considerata un’antica oasi nella palude. Da qui prende forma la Passeggiata Poetica Seduzioni a Fogliano con la guida-cantastorie Roberto Perticaroli e gli attori del Parco Culturale Letterario Omero. Sulle dune litoranee del Parco Nazionale del Circeo, Davide Colla si concentra sui più piccoli e sulle nuove generazioni illustrando il progetto Una cosa possibile, che è anche il titolo di un libro per bambini di prossima uscita, frutto di un percorso educativo che mette sullo sfondo l’eguaglianza tra le persone, l’accessibilità universale, il rispetto della natura e la promozione dell’attività sportiva. L’iniziativa, organizzata dall’APS Exotique, è realizzata con il contributo della Regione Lazio e con i patrocini del Comune di Maenza e del Comune di Sonnino e in collaborazione con il Parco Nazionale del Circeo.

PROGRAMMA DELLA DUE GIORNI:

Sabato 30 ottobre 2021 | Maenza |
ore 9:30 – 17:00
Passeggiata Poetica lungo una tappa del Cammino della Regina Camilla e per i vicoli del borgo, pranzo al sacco e concerto finale di Massimo Gentile che ospita il pittore e oratore Francesco Petrianni.
ore 20:00
Cena al ristorante La Sorgente di Maenza.

Domenica 31 ottobre | Sonnino |
ore 9:30 – 17:00
Passeggiata Poetica sui Monti Ausoni. Pranzo al sacco. Passeggiata Poetica nei vicoli del centro storico di Sonnino con la performance partecipativa di narrazione L’Altro Passo a cura del collettivo noMade con la partecipazione di Gioele Grenga con L’odore dei lecci e di Francesco Pennacchia con Calcarea – l’oracolo della roccia. Degustazione delle birre artigianali prodotte a Sonnino dal Birrificio Terre di Confine.
ore 20:00
Cena al ristorante Sonnino Food Museum di Sonnino.

Lunedì 1 novembre |Villa Fogliano| Latina |
ore 10:00 – 16:00
Seduzioni a Fogliano – Passeggiata Poetica da Villa di Fogliano alla duna litoranea a cura del Parco Culturale Letterario Omero. Pranzo al sacco. Presentazione del libro Una cosa possibile di Davide Colla, con attività dedicate ai bambini all’arrivo sulla spiaggia. 

I PROTAGONISTI

Massimo Gentile
Compositore, arrangiatore, pianista talentuoso, è diplomato al Conservatorio di Santa Cecilia. Ha all’attivo due album: “Maledetti detti male Interpreta Piero Ciampi” del 2009 e “Conosci abbastanza un’estate in Provenza” del 2014, in cui alterna composizioni originali e riadattamenti in italiano di brani di Nick Drake.

Dal 1996 è direttore artistico del Maggio Sermonetano – Spettacoli In Strada, tra le più longeve e significative rassegne musicali della Provincia di Latina giunta quest’anno alla XXVI edizione.

L’Altro Passo a cura del collettivo noMade

“Forse la tara originaria dell’essere umano non era la conoscenza ma, al contrario, la dimenticanza” (Grandioso Filelfo, L’Assemblea degli animali, Einaudi 2020).

Come attraversano il bosco gli animali? Come guardano il mondo? Come comunicano?
L’Altro Passo è la performance partecipativa di narrazione in natura con cui il collettivo di artisti noMade intende rispondere a queste domande. Il pubblico camminante è invitato ad esplorare la natura in un “Altro” modo. Seguendo il filo della “favola selvaggia” i partecipanti sono guidati a ricontattare la propria dimensione animale attraverso un’esperienza di metamorfosi poetica. Il percorso è disseminato da piccole esperienze di ascolto e interazione con l’ambiente circostante.

noMade è un gruppo di artisti poliedrico che racchiude diverse abilità e sensibilità, in particolare nella grafica, il sound design, la videoarte, le arti performative, l’arte visuale e le installazioni site-specific.

A Sonnino, ne L’Altro Passo il collettivo incontra e si affida a due grandi conoscitori di questi luoghi: Gioele Grenga e Francesco Pennacchia.

Gioele Grenga escursionista dall’età di sei anni, da sempre appassionato di montagna oltre che di storia locale, e delle storie che vedono protagonisti i briganti. Da molti anni prende parte a progetti di valorizzazione del patrimonio culturale e ambientale del territorio di Sonnino e dei Monti Ausoni.

Francesco Pennacchia, geologo, ha una grande passione per i vulcani. Negli ultimi anni si è dedicato a studiare l’evoluzione geologica del Lazio meridionale e il ruolo fondamentale che questa ha avuto nella nascita e nello sviluppo della civiltà romana.

Roberto Perticaroli e le sue Seduzioni a Fogliano

“Fogliano con la sua bellezza lusinga e tradisce” scriveva Vincenzo Rossetti scoprendolo per la prima volta nella prima metà del ‘900.

Fogliano, antica oasi nella palude, è il luogo che meglio di qualunque altro esprime il genius loci dell’intero territorio ascritto al Parco Nazionale del Circeo. Con Seduzioni a Fogliano la guida-cantastorie Roberto Perticaroli e gli attori già protagonisti del Parco Culturale Letterario Omero, che proprio qui ha avuto la sua sede per anni, propongono una Passeggiata Poetica tra i sensi e la conoscenza facendo leva sulle pagine di letteratura dedicate o ispirate a questo lembo di terra da sogno e alle passioni che hanno sedotto nobili e guitti, servi e letterati... “però ch’io son colui che t’ama, o Diversità, sirena del mondo, io son colui che t’ama”… (da Maia. Laus Vitae, Gabriele D’Annunzio)

Una cosa possibile con Davide Colla

Una cosa possibile è il titolo del libro illustrato per bambini che Exotique ha l’onore di presentare in anteprima nel corso della Passeggiata Poetica del 1 novembre a Fogliano. Tra le dune e l’ambiente palustre, nel migliore degli scenari possibili, il surf e il mondo animale saranno pretesto per parlare di inclusione, diversità, unicità.

Davide Colla, autore del libro e conduttore dell’incontro, si occupa di educazione ambientale e consumo sostenibile effettuando laboratori e uscite didattiche con le scuole. L’amore per il mare e per i libri illustrati per bambini ha fatto sì che pubblicasse nel 2017 Un tuffo nel mare. Il surf come stile di vita e il desiderio di poter dare ad ognuno eguali opportunità hanno permesso l’incontro con Surforall e la nascita di questo progetto, punto di partenza per la progettazione di percorsi educativi che sappiano promuovere l’unicità di tutti e l’accessibilità universale. Con il rispetto della natura e la promozione dell’attività sportiva che rappresentano al tempo stesso il mezzo e il fine di questi percorsi.

I LUOGHI

Maenza
Sorta come insediamento originato dalla dispersione della popolazione di Privernum in un passato ormai remoto, Maenza si è successivamente consolidata sotto il dominio di gruppi etnici di ceppo germanico, il più importante dei quali fu il popolo dei Volsci.

Nel Castello di Maenza si sono insediate molte famiglie feudatarie, la più importante delle quali quella dei Conti da Ceccano. Le famiglie successive furono: gli Annibaldi, i Caetani, i Borgia, gli Aldobrandini, gli Antonelli, i De Cabanise, i Pecci. Durante il feudo dei Conti da Ceccano, Maenza fu sede del primo miracolo di S. Tommaso d’Aquino, il quale vi si recava spesso per far visita a sua nipote Francesca. Nei vicoli e nelle piazze dell’antico borgo ritroviamo talvolta quasi immutata, tracce un passato che sembra non essere così lontano, per quanto ben preservato.

Fonte: Comune di Maenza, sito istituzionale. 

Sonnino

Il primo documento che attesta l’esistenza di Sonnino è una bolla pontificia dell’anno 999. Alcuni storici fanno risalire le origini del paese alla fine del secolo VIII ad opera dei cittadini di Priverno, fuggiti dal loro paese in seguito alle invasioni dei Saraceni, che devastarono gran parte del Lazio meridionale, la stessa origine generalmente ipotizzata per i vicini paesi di Roccagorga, Roccasecca e Maenza, tutti paesi situati in posizioni montane meglio difendibili rispetto a quella della romana Privernum, situata nella pianura dell’Amaseno. Altri storici tuttavia fanno risalire le origini di Sonnino ad una matrice romana e pre-romana, dato che l’intera zona comunale, anticamente abitata da Volsci, fu successivamente romanizzata ed intensamente abitata, come testimoniano numerosissimi ritrovamenti, suggerendo una continuità anche nel corso del primo medioevo.

In ogni caso è accettato che i primi abitanti di Sonnino possano aver avuto origini variegate tra le quali si ipotizzano anche contributi greci e bizantini, e vi è generale accordo sul fatto che l’origine dell’abitato moderno sia da riferire al processo di incastellamento avutosi nell’Alto Medioevo, in un luogo che inizialmente poteva essere stato solamente prescelto perché poco accessibile e invisibile da quasi tutte le direzioni, dove riparavano uomini e bestiame per meglio difendersi in caso di assalti. Il rifugio, questa infatti era la sua principale funzione, rivelatosi una salvezza per tanta gente e dalle scorrerie e dal clima insalubre della palude pontina, si sarebbe progressivamente ampliato e costituito in castello.

La storia di Sonnino è altresì legata ad un’eccellenza locale: la produzione di Olio EVO. In tutto il comune troviamo più di 2 milioni di piante di ulivo della rinomata qualità Itrana, e le tracce di una pratica antica scolpita nella montagna e nelle cosiddette Macére, i muretti a secco, che disegnano buona parte del paesaggio e sono patrimonio dell’umanità dal 2018. 

I valori della cultura contadina ed antichi rituali popolari come Le Torce sono gelosamente custoditi ancor oggi, e rappresentano un grande capitale da valorizzare e preservare.

Fonte: Comune di Sonnino, sito istituzionale.

Villa Fogliano

ll Borgo di Fogliano è costituito da un complesso di edifici storici, realizzati alla fine del settecento.
Fu per lungo tempo un possedimento della famiglia Caetani che provvide anche all’allestimento dell’orto botanico, in cui vennero riunite numerose specie di piante provenienti da varie parti del mondo. Oggi è luogo suggestivo e dal grande fascino, in cui si manifesta pienamente l’enorme biodiversità del Parco Nazionale del Circeo di cui è parte.

Il Borgo di Fogliano è dotato di un’ampia area verde, un laboratorio di educazione ambientale sulle zone umide e un museo ornitologico.

Fonte: Parco Nazionale del Circeo.

– Le Passeggiate Poetiche rispettano tutte le precauzioni per la tutela della salute pubblica atte prevenire la diffusione del coronavirus.

– I posti sono limitati e la prenotazione è obbligatoria.

– Disponibile l’opzione con alloggio presso le strutture ricettive selezionate da Exotique.

– Quota di partecipazione

alla giornata del 30 e 31 ottobre: adulti 30 €; bambini e ragazzi fino ai 17 anni e 5 €.
alla giornata del 1 novembre: adulti 25 €; bambini e ragazzi fino ai 17 anni e 5 €.

Il contributo include: la passeggiata, la visita guidata, la navetta laddove prevista, le performance artistiche, il pranzo al sacco, l’assicurazione. Cena e alloggio sono dedicate a chi desidera trattenersi e prevedono un contributo extra.

– Per informazioni e prenotazioni: 329.8424810 – info@exotique.itwww.exotique.it