Dieci itinerari gorettiani a Corinaldo, alla scoperta della spiritualità nelle Marche

Dall’autunno 2021, dieci nuovi itinerari gorettiani tra paesaggio, natura e spiritualità che partono da Corinaldo (AN).
- - Ultimo aggiornamento
loading

A Corinaldo (Ancona) sono disponibili dieci itinerari gorettiani, un nuovo percorso di Turismo Spirituale per una dimensione di viaggio nel segno della spiritualità.

Gli itinerari gorettiani partono proprio da Corinaldo – terra natale di Santa Maria Goretti – un borgo dalla evidente tradizione medievale, ricco di vicoli e scorci inaspettati. Tra gli itinerari, a pochi passi da Corinaldo, c’è il primo parco ecclesiale d’Italia. Terre di Senigallia – Fede Semplicità Bellezza è un progetto nato su forte volontà della Conferenza Episcopale Italiana. Tra le tappe del percorso c’è anche la Civica Raccolta d’arte Claudio Ridolfi – importante artista seicentesco – e il Museo delle Arti Monastiche.

Si prosegue col verde del primo appennino attraverso una terra che nasconde meraviglie degne dei migliori beni architettonici. Tra questi i Castelli di Arcevia, oltre che al comune di Genga, noto per il tour sotterraneo delle Grotte di Frasassi. Genga offre la possibilità di visitare altri luoghi dalla forte carica spirituale, tra cui il Tempio di Valadier e la Chiesa di San Vittore alle Chiuse.

Itinerari Gorettiani: un’immersione nel Medioevo

Tra Loreto e Recanati si districa il terzo itinerario che permette di scoprire uno dei luoghi più importanti della cristianità: la santa casa della Vergine Maria. Secondo la tradizione, Maria fu trasportata qui direttamente da Nazareth. Le terre del Duca d’Urbino offrono un’immersione nel Medioevo e nel Rinascimento, con Urbino patrimonio UNESCO. Immancabili i capolavori di Piero della Francesca nella Galleria Nazionale delle Marche e la casa di Raffaello, ma anche Gradara. La rocca peculiare, secondo la tradizione, fu lo scenario della dantesca storia d’amore tra Paolo e Francesca.

Il tour tra i quattro borghi più belli d’Italia comprende Corinaldo, Offagna (con le sue splendide mura costruite a difesa militare), Mondolfo e Mondavio che offre una ricostruzione fedele della vita di corte all’interno della sua rocca medievale. Le meravigliose Colline di Velluto sono uno dei punti focali della cultura medievale e bucolica marchigiana, sulle quali si passa da borghi e scorci medievali caratteristici come Ostra e Ostra Vetere a vere perle del Rinascimento.

Un’immersione totale nella spiritualità e nella vita monastica nel rispetto degli orari di preghiera. Questo, infine, offrono gli itinerari degli Eremi e dei Monasteri delle Marche ed il gran tour spiritualità e meditazione che parte dall’eremo di S. Maria di Valdisasso a Valleremita fino all’Abbazia di Chiaravalle passando per il Santuario di Macereto nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini e Serra de’ Conti, un paesino marchigiano che ospita un affascinante museo dedicato alle arti monastiche.

Foto di: Luca Perazzolo per HF4