Elisabetta Canalis mostra la sua villa a LA a ‘Permesso Maisano’

Elisabetta Canalis, volto consolidato di TV8 dove conduce 'Vite da Copertina', è protagonista di 'Permesso Maisano'.
-
loading

Elisabetta Canalis, star internazionale regina del jet set italiano e hollywoodiano, e volto consolidato di TV8 dove conduce Vite da Copertina – con cui tornerà a gennaio con nuove puntate in prima visione – è protagonista di Permesso Maisano, una produzione EndemolShine Italia, in prima visione assoluta su TV8, domani, mercoledì 15 dicembre, in seconda serata dopo Un Natale per due, film del ciclo This is Christmas.

LEGGI ANCHE: Marco Maisano: «Non tutti quelli che vanno in tv hanno qualcosa da raccontare»

Dopo aver suonato il campanello, Marco cammina con il naso all’insù nel giardino di alberi di arancio che conducono all’ingresso della villa a Los Angeles, che Elisabetta condivide con il marito Brian Perri, chirurgo ortopedico, la figlia Skyler Eva, di sei anni, e i suoi quattro cani.

Nella spaziosa cucina bianca da ristorante, con ampia piastra e televisione, fa bella mostra di sé l’enorme frigorifero, anche se a destare la curiosità di Marco è il tritarifiuti nel lavandino.

«Cucino tanto, soprattutto italiano. Preparo la pasta al pomodoro, faccio il ragù e il pesto. Più in generale gestisco io la casa. Se si rompe qualcosa provo a sistemare, solo in caso di necessità chiamo l’assistenza».

Sul comò in sala trovano posto le foto di famiglia, la galleria dei ricordi più preziosi, in cui risaltano le istantanee di Elisabetta sul palco dell’Ariston, quelle che immortalano il giorno del suo matrimonio e quello dei suoi genitori. Ma è la foto della figlia a sorprendere per l’incredibile somiglianza con quella di Elisabetta da bambina.

«Faccio poco photoshop alle mie foto su Instagram. Adesso vince chi lascia le foto naturali, il trend è cambiato».

A lasciare senza fiato è il patio sotto il colonnato che si affaccia sulla piscina sottostante, immersa nel verde. «Qui fa sempre caldo, quindi la piscina ci serve tutto l’anno» dice Eli. La zona ospiti è un altro micro appartamento con due camere per gli ospiti e un bagno in marmo impreziosito da uno specchio di Murano. Al piano inferiore, invece, c’è una palestra super attrezzata.

«Questo è il regno di Bryan. Io faccio soprattutto il sacco per la kickboxing. Calci e pugni mi servono a combinare tecnica e velocità». Anche la cantina dei vini è terreno privilegiato del marito. «A me piacciono Franciacorta e champagne. I super alcolici invece sono assolutamente bannati».

Elisabetta Canalis, l’intervista di Marco Maisano

Terminata l’ispezione di casa si passa all’intervista più classica in cui Elisabetta ripercorre le tappe della sua carriera. «Dopo aver fatto il liceo classico a Sassari (lo stesso di Palmiro Togliatti, Enrico Berlinguer, Mario Segni, ma anche di Enrica Bonaccorti) a 21 anni mi sono trasferita a Milano per studiare Lingue all’Università, ma sono poi finita sul bancone di Striscia la Notizia. Ho firmato il mio primo contratto senza dire niente ai miei genitori. Mia madre è stata poi contenta della mia scelta, mio padre meno perché non si fidava del mondo dello spettacolo».

Marco sottopone poi Elisabetta al gioco Chi lo ha detto?, in cui la Canalis è chiamata a ricordare a chi va attribuita la paternità di alcune affermazioni sul suo conto. Successivamente deve invece ricordare se alcune dichiarazioni sono sue o se invece sono attribuite all’altra Elisabetta, la regina Elisabetta II di Inghilterra. A suscitare ancora più ilarità è invece il terzo gioco, A lezione da Elisabetta, in cui Eli traduce perfettamente alcune espressioni in dialetto sassarese.

Infine, anche la Canalis accetta di buon grado di rispondere alla domanda stronza, puntualizzando una volta di più quello che è il suo rapporto con il mondo del gossip.