Squid Game, Netflix annuncia (in coreano) il doppiaggio italiano

La serie che ha battuto tutti i record è disponibile, dal 30 novembre, con il doppiaggio italiano. E la rete si divide.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Milioni di persone nel mondo (Italia compresa) sono già stati conquistati dalla serie del momento, divenuta fenomeno globale. Proprio qualche minuto fa, Netflix Italia ha annunciato una novità legata a ‘Squid Game’. La notizia arriva a mezzo social, tramite l’account Twitter della piattaforma, e è lanciata in coreano. “Sappiamo che userete Google Translate”, scherzano nel post prima di fornire l’informazione più importante.

Vi informiamo che il doppiaggio italiano di Squid Game sarà disponibile dal 30 novembre”. Fino ad oggi, infatti, la serie sudcoreana è stata visibile solo con i sottotitoli nella nostra lingua. Ora, per agevolarne la visione, arriva il doppiaggio ma il popolo della rete è già diviso. E i commenti al tweet mostrano le posizioni più comuni.

LEGGI ANCHE: ‘La vera storia della Uno bianca’ su RAI 2 per il ciclo CRIME DOC

Da una parte, infatti, c’è chi plaude alla novità accogliendo con entusiasmo la decisione di Netflix. “Bella notizia, ma sarebbe ora che le serie coreane, uscissero direttamente col doppiaggio in italiano”, scrive un utente. In fondo, il doppiaggio era già disponibile in altre lingue come inglese e tedesco. E ancora, si legge: “Finalmente, era anche ora! Avrei tanto voluto godermela prima ma purtroppo se i prodotti li guardo sottotitolati non riesco a godermeli come vorrei”.

D’altra parte non mancano gli scettici e chi si dice completamente disinteressato. “Goduto in lingua originale e tanto basta”, commenta un utente. E un altro scrive: “Io in verità la preferisco in lingua originale coi sottotitoli, poi fate voi”. E ancora: “Va benissimo anche solo con i sottotitoli, l’audio originale è sempre la scelta migliore”.

LEGGI ANCHE: BTS Law, la legge che potrebbe esonerare gli idol coreani dal servizio militare

Infine, spuntano anche i tweet che, seguendo l’accento ironico del post di Netflix, aggiungono una buona dose di ironia. “Chi è il pazzo che se lo rivede? Chi è il pazzo che ancora non lo ha visto?”. E, dulcis in fundo: “Penso che tu l’abbia scritto usando anche Google Translate”.

Foto Noh Juhan | Netflix