LAZIOSound: premiati Claire Audrin, Ellynora, The Oddroots, Quartetto Eos ed Envoy

Arrivano dal Lazio i nuovi talenti della musica italiana under 35 e a premiarli è LAZIOSound, progetto a sostegno dei giovani musicisti.
-
loading

È tempo di nuova musica. La new wave cantautorale che ha portato penne sempre più giovani in vetta alle classifiche oggi riceve linfa fresca grazie all’impegno di scouting di LAZIOSound. Il programma sostiene, infatti, la produzione, promozione, distribuzione e l’internazionalizzazione di giovani musicisti under 35 della regione e quest’anno punta su cinque nomi.

La seconda edizione di LAZIOSound ha visto imporsi nelle cinque categorie (Urban, Jazzology, God is a Producer, Songwriting Heroes e I Love Mozart) il talento di  Claire Audrin, Ellynora, The Oddroots, Quartetto Eos ed Envoy.

“Siamo orgogliosi del successo ottenuto da questo progetto pensato per tantissimi ragazzi e ragazze under35 del Lazio che hanno la voglia e il coraggio di affacciarsi al mondo della musica, così affascinante ma anche così difficile e complesso”, sono le prime parole di Nicola Zingaretti.

Il presidente della regione Lazio continua poi: “Chi si è aggiudicato il contest, grazie anche all’intervento della Regione Lazio, ha la possibilità di provare a realizzare i propri sogni. E questo non è poco.  Anzi è l’obiettivo di LAZIOSound: offrire una possibilità a chi crede in sé stesso e nelle proprie capacità. I giovani sono il futuro e hanno il diritto di essere sostenuti con iniziative come queste che ne premiano creatività e bravura”.

“In bocca a lupo a tutti: a chi ha vinto e a chi vorrà ancora mettersi alla prova. Non mollate, correte dietro alle vostre idee e alle vostre inclinazioni. La Regione Lazio crede in voi e continuerà a farlo”, conclude Zingaretti.

Lazio Sound
Foto hf4

LEGGI ANCHE: Vitamina G, la regione Lazio premia le idee degli under35. Zingaretti: «Una grande scommessa»

LAZIOSound: i numeri e i premi dell’edizione

La seconda edizione di LAZIOSound ha visto iscritti 822 giovani per un totale di 1400 artisti da tutta la regione a riprova di una grande vivacità della scena. Giudicati da professionisti del calibro di Claudio Coccoluto, Ice One, Roberto Angelini, Mario Ciampà, Andrea Lucchesini, i partecipanti hanno raccontato una generazione tecnicamente preparata, che vede nella musica un’opportunità di espressione ma anche di realizzazione professionale.

Ed è anche questo l’impegno di LAZIOSound, progetto che rientra negli investimenti di Regione Lazio per le politiche giovanili. Vanno proprio in questa direzione vanno i premi del contest che sono:

  • la produzione professionale di 1 brano e 1 videoclip
  • il sostegno alla distribuzione digitale del brano prodotto
  • una consulenza di comunicazione
  • l’ufficio stampa a seguire il lancio del singolo
  • una consulenza strategica nella gestione dei social durante il periodo di promozione del singolo
  • la promozione attraverso un Live in streaming su un media internazionale rilevante di settore
  • la partecipazione a LAZIOCampus, durante il quale gli artisti potranno imparare da professionisti il funzionamento del music business.

A completare l’azione di LAZOSound sono i progetti LAZIOSound Scounting, LAZIOSOund Recording e LAZIOSound Digital Touring per la selezione di almeno dieci proposte di promozione del patrimonio musicale giovanile.

Foto via Comunicazione GenerAzioni Giovani