Billie Eilish, esce ‘My Future’: «Io e Finneas l’abbiamo scritta in due giorni»

Esce 'My Future' di Billie Eilish. La cantautrice rivela di averla scritta in appena due giorni insieme al fratello Finneas.
-

Il giorno è finalmente arrivato: è finalmente disponibile in tutti gli store digitali il nuovo singolo di Billie Eilish, My Future.

Un singolo decisamente importante per la cantautrice, non solo perché è stato scritto e registrato a Los Angeles durante il lockdown ed è stato prodotto dal fratello Finneas, ma anche perché My Future è il primo inedito della 18enne americana dalla pubblicazione del suo album When We All Fall Asleep, Where Do We Go? (uscito a marzo 2019 e disco di Platino in Italia) e dall’uscita del brano per la colonna sonora di 007 No Time To Die (uscito a febbraio 2020).

Ad accompagnare il brano un bellissimo video animato creato dall’australiano Andrew Onorato.

LEGGI ANCHE: MTV VMA’s 2020, da Billie Eilish a Lady Gaga: tutte le nominations

«Il processo è stato soddisfacente. – ha dichiarato Billie parlando con Zane Lowe di Apple Music – Sì, direi che è stata proprio una soddisfazione. Abbiamo scritto la canzone in due giorni. Poi l’abbiamo registrata e buttata giù probabilmente nell’arco di un mese durante la quarantena. Pioveva fortissimo… Non so come dire, il set era perfetto. Abbiamo registrato la voce nello studio di Finneas, che è poi il seminterrato di casa sua. Di solito, immagino lo sappiate, ci metto una cazzo di vita a registrare la voce proprio come piace a me, faccio un miliardo di registrazioni. In questo caso… bè, non lo so, c’era qualcosa nella registrazione che ho fatto che mi ha fatto pensare che fosse l’unico modo in cui potessi registrarla».

«Sapete cosa mi diverte? Per un giorno siamo stati bloccati. Ci dicevamo Cosa cavolo stiamo facendo? Come andiamo avanti? – ha continuato la Eilish – Dicevo Non credo che stiamo andando da nessuna parte. Avevamo la canzone registrata, ma non sapevamo cosa farci. Siamo andati in piscina, poi siamo usciti e stavo per andare a casa. Ma in quel momento ho pensato Proviamo a lavorarci un altro po’. Abbiamo finito la canzone quella notte, finita completamente. In questo senso, è stato pazzesco».