Mara Sattei: tha Supreme produce ‘Nuova Registrazione 527’

Annunciato su Instragram, dal 28 febbraio è disponibile ‘Nuova Registrazione 527’, singolo di Mara Sattei prodotto da tha Supreme. Ecco testo e audio.
-
Mara Sattei: tha Supreme produce ‘Nuova Registrazione 527’

Ancora una volta è tha Supreme a firmare la produzione del nuovo pezzo di Mara Sattei (vero nome Sara Mattei), sorella maggiore dell’enfant prodige romano nota al pubblico per la sua partecipazione ad Amici. Il brano uscito venerdì 28 febbraio è stato anticipato sui social da una serie di indizi ed è il quarto singolo della Sattei.

Intitolata Nuova Registrazione 527, la traccia esce dopo il successo delle precedenti Nuova Registrazione 326 e Nuova Registrazione 402 oltre che di m12ano, contenuto nel primo album di tha Supreme. E tutte hanno già fatto incetta di riproduzioni sulle piattaforme digitali registrando numeri record.

View this post on Instagram

Mercoledì vi annuncio qualcosa

A post shared by mara sattei (@mara.sattei) on

LEGGI ANCHE: Shiva: esce ‘Calmo’ con tha Supreme, testo e audio della canzone

Mara Sattei: il testo di ‘Nuova Registrazione 527’ (prod. tha Supreme)

Fiori di carta nei vasi
Sorrisi stampati sopra una postcard
E giacche di seta appoggiate
Sulle lancette del tempo che passa.
Ma restiamo soli a cercare
L’alba riflessa, son fuori di testa
Per quello che a te può importare
Lasciami, lasciami, lasciami stare con me.

A stare ferma, come un fermacarte sopra un’agenda
Ma chi frena e parte prima rallenta
Poi la pioggia batte io scalo in terza
La luce accecante su una discesa
Lui la prende male io scrivo a penna
La mia vita a volte vuole stupirmi
Tipo gare in moto quando si impenna
Ehi, ehi, ehi.

Trema per terra ma è un terremoto
Con la vernice su un cielo grigio
Sì, le volte che ho perso per stare a fuoco
Su cose che avessi perso avrei vinto
Ma no, poi siamo appesi come l’ignoto
Sì sopra le ciglia mi sdraio e cullo
Poi riflesse negli occhi come una foto
E chiudo per restare sola al buio.

Fiori di carta nei vasi
Sorrisi stampati sopra una postcard
E giacche di seta appoggiate
Sulle lancette del tempo che passa.
Ma restiamo soli a cercare
L’alba riflessa, son fuori di testa
Per quello che a te può importare
Lasciami, lasciami, lasciami stare con me.

Chiudo a chiave e poi stringo
Denti d’oro poi in tinta, brillo
Pietre sopra ad un dito
Gelo quale sei, cerco i sogni miei.
Mento ma poi sono in un filtro
Penso troppo, è solo un appiglio
Spiglio il cuore sennò poi mi ci impiglio
Strillo, spari sirene nel testo di qualche frame.

Guardassi oltre a ciò che ho visto
[…] anche se poi è un abisso
Sto tra i fili appesi, si corre il rischio.
I riflessi presi da una scia
Li inseguo anche se vanno via
E mi chiedi dov’è casa mia
Poi mi hai visto, lo capisco.

Fiori di carta nei vasi
Sorrisi stampati sopra una postcard
E giacche di seta appoggiate
Sulle lancette del tempo che passa.
Ma restiamo soli a cercare
L’alba riflessa, son fuori di testa
Per quello che a te può importare
Lasciami, lasciami, lasciami stare con me.

Fiori di carta nei vasi
Sorrisi stampati sopra una postcard
E giacche di seta appoggiate
Sulle lancette del tempo che passa.
Ma restiamo soli a cercare
L’alba riflessa, son fuori di testa
Per quello che a te può importare
Lasciami, lasciami, lasciami stare con me.

Foto cover singolo Nuova Registrazione 527 da Spotify