Iva Zanicchi e le scuse alla comunità cinese: «Una battutaccia»

Iva Zanicchi si scusa con la comunità cinese e precisa che si trattava di una 'battutaccia'. «Abbracciamo la comunità dei nostri amici cinesi» precisa Mara.
-

Non si può dire che l’intervista che Iva Zanicchi ha rilasciato a Mara Venier a Domenica In (nella puntata del 2 febbraio) non si sia trascinata dietro un polverone, soprattutto per le dichiarazioni della cantante sulla comunità cinese. Parlando del Coronavirus e della psicosi generale del nostro paese, Iva Zanicchi ha infatti commentato: «Io quando vedo un cinese, sorrido e me la do a gambe».

Una battuta non proprio apprezzata sui social, dove la Zanicchi è stata sommersa da critiche e commenti negativi, per l’uscita poco felice. La Venier, di fatto, ha provato a correre ai ripari con leggerezza.

LEGGI ANCHE: Sanremo, Amadeus conferma Fiorello per cinque serate

«Grazie per i tuoi racconti, starei ore e ore ad ascoltarti» si complimenta Mara. «Potrei anche tacere – le risponde Iva – forse farei meglio».

«Non vorrei che qualche cinese si fosse offeso, diciamolo che era uno scherzo» precisa a questo punto la Venier. «Sì era una battutaccia. – commenta la Zanicchi – Guarda che io sono a Roma in un albergo in via Cavour. Tutti cinesi. Stamattina facevo colazione e ai tavoli c’erano trenta cinesi. Io ero in un tavolino da sola eh, però loro erano lì. Che c’entra? Non li conoscevo».

«Abbracciamo tutta la comunità dei nostri amici cinesi e speriamo che questo problema si risolva prestissimo» sdrammatizza Mara.