Diodato a Sanremo 2020 con ‘Fai rumore’: il testo della canzone

Tra i Campioni in gara al Festival di Sanremo 2020, Diodato presenta il brano ‘Fai rumore’ dall’album ‘Che vita meravigliosa’. Ecco il testo.
- - Ultimo aggiornamento

Diodato torna al Festival dopo l’esperienza in duo con Roy Paci e a Sanremo 2020 si presenta con l’inedito Fai rumore. Estratto dall’album  disponibile da venerdì 14 febbraio, il brano esce sulla scia del successo di Che vita meravigliosa, titletrack dell’intero progetto.

Scritto dallo stesso Antonio con il contributo, per la musica, di Edwyn Roberts, Fai rumore viene così raccontato da Diodato: “Dopo un’intima strofa piano e voce, in cui le prime parole cominciano a fare un soffice “rumore”, come fossero pensieri che cercano espressione, il pezzo si apre con potenza sull’inciso che, come in un’onomatopea, evoca e libera pienamente il significato della canzone.”

“Il brano è un invito ad abbattere i muri dell’incomunicabilità – conclude – a farsi sentire, a non soffocare nel silenzio delle incomprensioni, del non detto, dove muore ogni umanità.”

È un atto di ribellione che ha l’amore come finalità, nel senso più ampio possibile.

Diodato: il testo di ‘Fai rumore’

TESTO: A. Diodato
MUSICA: A. Diodato / E. Roberts

Sai che cosa penso,
che non dovrei pensare,
che se poi penso sono un animale.
E se ti penso tu sei un’anima,
ma forse è questo temporale
che mi porta da te.
E lo so non dovrei farmi trovare
senza un ombrello anche se

Ho capito che
per quanto io fugga
torno sempre a te,
che fai rumore qui,
e non lo so se mi fa bene,
se il tuo rumore mi conviene.

Ma fai rumore sì,
che non lo posso sopportare
questo silenzio innaturale
tra me e te.

E me ne vado in giro senza parlare,
senza un posto a cui arrivare,
consumo le mie scarpe
e forse le mie scarpe
sanno bene dove andare,
che mi ritrovo negli stessi posti,
proprio quei posti che dovevo evitare

E faccio finta di non ricordare,
e faccio finta di dimenticare,
ma capisco che,
per quanto io fugga,
torno sempre a te
che fai rumore qui,
e non lo so se mi fa bene,
se il tuo rumore mi conviene

Ma fai rumore sì,
che non lo posso sopportare
questo silenzio innaturale tra me e te.

Ma fai rumore sì,
che non lo posso sopportare
questo silenzio innaturale,
e non ne voglio fare a meno oramai
di quel bellissimo rumore che fai.

LEGGI ANCHE: Diodato a Sanremo: «Davanti all’imprevedibilità della vita»

Foto di Giuseppe Gradella da Ufficio Stampa Words For You