Mameli, lo sfogo dopo un addio in ‘Non ci sei più’: testo e audio

Dopo il duetto con Alex Britti, Mameli torna con il singolo ‘Non ci sei più’, lo sfogo sentimentale dopo una rottura. Ecco il testo della canzone.
-

Dal 24 gennaio è in radio e digitale Non ci sei più, nuovo singolo del cantautore Mameli, reduce da un anno che lo ha visto pubblicare il suo primo EP, Inno. E dopo la prestigiosa collaborazione con Alex Britti in Anche quando piove, il cantautore indie pop presenta una ballad struggente che è lo sfogo dopo la fine di un amore.

Il sentimento di mancanza diventa, nel brano, quasi una persona fisica, come certi personaggi od oggetti a cui si resta legati per sempre. “L’inverno è in piena botta e tu non ci sei. – racconta Mameli in merito a Non ci sei più – Mi hai lasciato nella nostra casa, in mezzo alle nostre abitudini. La mia testa pensa che un’icona abbia abbandonato la mia vita.

Un po’ come Zanetti ha mollato la fascia, David Bowie il palco, o la Carrà la tv. La cosa che più mi fa male è l’aver messo tutto me stesso in questa relazione. Non ci sei più è lo sfogo immediato ad una fine. È il vaffanculo che non saprò mai dire. Il senso di vuoto che non trova pace.”

Mameli: il testo di ‘Non ci sei più’

Davvero non ti servo più?
È stato bello scoprire che
non sei uguale a me.
Davvero non ti manco più?
Il tempo ti ha fatto sparire per tirarmi su.

Come Msn, come i dinosauri,
come le graffette, come David Bowie,
come Zanetti a destra,
come le tue Superga, tu non ci sei.

Ho pianto su tutti i fiori del giardino,
sistemato casa nostra e ora non c’è più casino.
Tu non ci sei, tu non ci sei, tu non ci sei.
E ho smesso di fumare sigarette,
di dormire sul divano, di tirare le coperte.
Tu non ci sei, tu non ci sei, tu non ci sei più.

Ti è morto il cellulare per guardare i video scemi.
Abbiamo corso per sentirci leggeri
ma è come coi centesimi che ho in tasca,
c’è sempre qualcosa che manca.

Come gli sms, come il Festivalbar,
come le tue mutande, come due estati fa,
come le cassette VHS
e in televisione la Carrà.

Ho pianto su tutti i fiori del giardino,
ho scritto un sacco di canzoni solo perché non dormivo.
Tu non ci sei, tu non ci sei, tu non ci sei.
E ho smesso di fumare sigarette,
di dormire sul divano, di tirare le coperte.
Tu non ci sei, tu non ci sei, tu non ci sei più.

E ho speso i soldi per un motorino
solo per tornare prima e restarti più vicino.
Tu non ci sei, tu non ci sei, tu non ci sei più.

LEGGI ANCHE: Brazzo, il rapper sordo conquista tutti a Italia’s Got Talent

Foto da Ufficio Stampa Elliefant Press