Test in corso su Spotify: in arrivo lo Sleep Timer per le canzoni?

La piattaforma di musica in streaming sta testando sull’App per Android la funzione Sleep Timer che interrompe la riproduzione dei brani. Ecco cos’è e come funziona.

Spotify potrebbe presto aggiornarsi con più di una novità. Tra le funzioni in fase di testing c’è, infatti, lo Sleep Timer, ovvero l’opzione che interrompe automaticamente la riproduzione dei brani, al momento in sperimentazione sulla versione per i dispositivi Android. Il timer, come già avviene su altri supporti, sarebbe utile soprattutto per chi ascolta musica prima di dormire: l’app in questo modo interrompe la musica una volta trascorso un certo periodo di tempo entrando in modalità pausa.

A lanciare la news è stata la leaker Jane Manchun Wong tramite il suo profilo Twitter – il nickname è @wongmjane – dove ha pubblicato anche uno screen della schermata con la funzione “Stop audio in”. Nel suo tweet la Wong parla di canzoni, ma qualora il timer venga effettivamente introdotto sulla piattaforma è presumibile che sia attivabile non solo per le singole tracce ma anche per intere playlist e per gli album.

LEGGI ANCHE: Heroes: David Bowie nelle foto di Masayoshi Sukita in mostra a Firenze

Ma come funzionerebbe? Lo Sleep Timer di Spotify dovrebbe avere una schermata dedicata con sei intervalli temporali. L’utente potrà così scegliere se mettere in pausa l’ascolto entro 5, 10, 15, 30 o 45 minuti oppure dopo la fine di un brano. Non sarebbe, dunque, prevista la possibilità di selezionare, per esempio, un orario di spegnimento o comunque un arco temporale differente rispetto a quelli preimpostati.

Nulla si sa per ora sulla possibile data di rilascio della funzione, che peraltro non è l’unica in via di sperimentazione da parte di Spotify. Il servizio di musica in streaming che conta più di 200milioni di utenti nel mondo starebbe testando anche una rinnovata interfaccia grafica così come la possibilità di avviare un brano su un secondo dispositivo con l’opzione Connect with friends.

E a proposito di condivisione potrebbe essere lanciato anche Spotify Premium Duo, una nuova offerta in abbonamento per due account Premium a un prezzo scontato. La sottoscrizione sarà attivabile solo dai profili di utenti Premium che vivono al medesimo indirizzo e permetterà loro di creare playlist che mixano i loro gusti. L’ultima novità, infine, potrebbe riguardare l’integrazione con Google Maps, che arriverebbe dopo quella con Waze. Non resta che aspettare.

Paola Maria Farina

Musica, libri, varie ed eventuali. In tasca una laurea in Lettere/Filologia Moderna.