A vent’anni dalla scomparsa, una maratona streaming ricorda Giorgio Gaber

Dalla mezzanotte del 1° gennaio 2023, ventiquattr’ore di contenuti streaming per omaggiare Giorgio Gaber a vent’anni dalla scomparsa.
-
loading

Era esattamente il 1° gennaio 2003 quando Giorgio Gaber ci lasciava e a vent’anni dalla scomparsa, la Fondazione che porta il suo nome propone Tutto Gaber. Insieme alla Rai e alla Televisione Svizzera Italiana, dalla mezzanotte del 1° gennaio alla mezzanotte del 2 gennaio sono disponibili  immagini e documenti video per una lunga maratona che accompagna l’inizio dell’anno di abbia piacere di avere la compagnia del Signor G. 

Logo Fondazione Giorgio Gaber
Logo Fondazione Gaber da Ufficio Stampa GOIGEST

Per la prima volta dalla scomparsa dell’artista milanese, viene proposta al grande pubblico una selezione di testimonianze inedite. Raccolta grazie all’attività della Fondazione Giorgio Gaber, sarà possibile visionare documentazione video di Giorgio Gaber e del suo Teatro Canzone. La lunga sequenza propone, senza ordine cronologico, estratti in prosa e in musica che raccontano trent’anni di Teatro Canzone. Dalle prime apparizioni tv della Svizzera Italiana alle retrospettive registrate nel 1980 al Teatro Lirico di Milano che oggi porta il nome del Signor G.

LEGGI ANCHE: — ‘Monopoly Mega Milano’, la nuova versione è un omaggio alla città metropolitana

Non mancheranno gli spettacoli degli Anni ’80 e ’90 nei più importanti teatri italiani così come la produzione video voluta dallo stesso Gaber e realizzata a Pietrasanta nel 1991. Una testimonianza approfondita e suggestiva di quel Teatro Canzone scritto con Sandro Luporini che ha reso Giorgio Gaber un protagonista della cultura italiana. La maratona Tutto Gaber sarà disponibile in free streaming per 24 ore sul sito e sul Canale YT della Fondazione, per consentire a tutti accesso libero e anche perché è soprattutto ai giovani che il lavoro divulgativo della Fondazione Gaber si rivolge.

Locandina / Foto di Luigi Ciminaghi da Ufficio Stampa GOIGEST per Fondazione Giorgio Gaber