LAZIOSound Scouting 2023: aperta la call per i musicisti u35 del Lazio

LAZIOSound Scouting è il tramite fra il desiderio di diventare un artista e la possibilità di diventare un professionista: sei categorie, giurie d'eccellenza, formazione e tante occasioni. Ecco come partecipare
-
loading

Torna nel 2o23 LAZIOSound, il programma della Regione Lazio che sostiene la musica under35 e che da quattro anni è protagonista delle realtà musicali del territorio con eventi live, concerti, masterclass, produzione e un percorso di selezione delle eccellenze musicali chiamato “LAZIOSound Scouting”.

LEGGI ANCHE – Eko Orchestra, dopo la vittoria del LAZIOSound arriva “Gitano”

Anche per l’anno che verrà il programma è ricco: i giovani artisti del territorio verranno coinvolti in 12 mesi di occasioni fra live, tour e formazione, ma soprattutto con una call aperta a tutti i musicisti o aspiranti tali della Regione Lazio.

LAZIOSound Scouting è un programma di selezione e valorizzazione delle eccellenze musicali della Regione: possono partecipare a questo percorso di crescita tutte le band, i compositori, i cantanti e i musicisti tra i 14 e i 35 anni del Lazio, che hanno voglia di trasformare la loro passione in una vera e propria professione. Grazie al sostegno delle Politiche Giovanili della Regione Lazio, con la collaborazione di LAZIOcrea e unimportante rete di partner, verranno forniti gli strumenti fondamentali per valorizzare i talenti emergenti di tutto il territorio regionale.

Sei le categorie coinvolteJazzology, Urban Icon, Songwriting Heroes, I Love Mozart, God is a Producer e Borderless – per una call che vuole raggiungere non solo l’intero territorio regionale ma anche tutti i tipi di musica emergente, senza creare barriere all’ingresso.

LAZIOSound Scouting è una grande occasione per mettersi alla prova e affrontare tutte le insidie che di solito si frappongono tra il desiderio di diventare un artista musicale e la possibilità di diventare un professionista: unopportunità unica per poter intraprendere un percorso professionale di primo livello attraverso dei programmi e delle risorse dedicate alla promozione, alla produzione, alla consulenza manageriale e alla formazione ma anche allinternazionalizzazione e lorganizzazione di live.

LAZIOSound Scouting 2023, come partecipare

Per partecipare a LAZIOSound scouting 2023 è necessario inviare online la propria domanda di partecipazione a LAZIOSound_CALL FOR ARTISTS fino alle 23:59 del giorno 19 febbraio 2023.  Le domande potranno essere inviate tramite il portale di LAZIOSound (https://laziosound.regione.lazio.it/). Una volta completata liscrizione si riceverà una mail dallindirizzo laziosound@regione.lazio.it.

Come orientarsi per indirizzare la propria proposta musicale?

Ai giovani artisti appassionati di Jazz, Swing, Nusoul, Funk, Soul, Fusion, Progressive, groove, interplay, fraseggio, genio e sperimentazione è dedicata la categoria jazzology, mentre alle più contemporanee tendenze del Rap, R&B, Trap, Urban è riservata Urban Icon, dove potranno iscriversi e sfidarsi gli artisti dalla penna veloce e dalle rime taglienti.

Cantautorato, Indie, Pop, Rock, Metal, Folk, Reggae troveranno spazio in Songwriting Heroes, mentre alla classica, alla Composizione Contemporanea, Strumentale e così via è destinata lampia sezione di I Love Producer.

Elettronica, dance, EDM, techno e tutta la musica che riempie i sound system dei club viaggerà nella categoria God is a Producer, mentre sperimentazione senza categorie, fuori dagli schemi, ma anche stili particolari, strumenti riciclati, ensemble fuori dal comune, potranno confrontarsi con Borderless, categoriasenza categorie.

A ogni categoria corrisponde una giuria deccezione, con esperti e addetti ai lavori di chiara fama che valuteranno e formeranno i partecipanti nelle diverse fasi di LAZIOSound Scouting: prima selezione, finali di categoria e finalissima.

Mario Ciampà (Direttore Artistico di Jazz Festival, partner di progetto, uno dei Festival più importanti della Capitale) e Serena Brancale (cantante, jzzi e docente) sono giuria di Jazzology; Danno (icona dellHIP HOP italiano, mc de COLLE DER FOMENTO) e Cristiana Lapresa (Promotion Manager Atlantic) di Urban Icon; Galeffi (cantautore tra i più in voga della scena indie), Marta Venturini (produttrice – autrice – label manager) di Songwriting Heroes; Enrico Dindo (violoncellista di fama internazionale e Direttore Artistico dellAccademia Filarmonica Romana), Silvia Colasanti (compositrice) di I Love Mozart; Andrea Esu (Direttore Artistico Spring Attitude e manager), Elena Colomba (producer internazionale) di God Is a Producer; Adriano Viterbini (chitarrista e cantante),  Patrizia Rotonda (cantante e docente), La Direzione Under 25 Di Dominio Pubblico (festival partner di LAZIOSound) di Borderless, Davide Dose, direttore artistico di LAZIOSound Scouting 2023, Dunia Molina, cantautrice, Martina Martorano, consulente musicale e conduttrice radio e tv.

Per il supporto allinternazionalizzazione infatti per le categorie Jazzology, I Love Mozart, Urban Icon, Songwriting Heroes e God is a Producer è prevista anche la partecipazione a dei Festival Internazionali: lo Sziget Festival, in Ungheria, tra i festival più importanti del mondo, per i vincitori delle categorie SONGWRITING HEROES e URBAN ICON; il XIII Festival Internazionale di Musica Le strade dEuropa, in Lituania per il vincitore di I LOVE MOZART; il celebre 57° Donostiako Jazzaldia, San Sebastián (Spagna) per la categoria JAZZOLOGY.

LAZIOSound, i numeri del successo

LAZIOSound è il programma delle Politiche Giovanili della Regione Lazio per supportare e rafforzare lo sviluppo del sistema musicale del Lazio attraverso strumenti economici, interventi mirati, partnership ed attività di promozione finalizzate a sostenere le componenti artistiche giovanili indipendenti.

Nelle prime quattro edizioni sono stati coinvolti 5000 artisti, finanziate più di 30 produzioni musicali, 50 tra concerti e tour in Italia e allestero, organizzate 3 edizioni del campus e 2 del festival ai piedi del Castello di Santa Severa.

LAZIOSound, inoltre, prevede anche attività in collaborazione con Regione Puglia che, a seguito dellincontro al Medimex, ha stipulato un protocollo di intesa con la Regione Lazio per lo sviluppo e lo scambio di eccellenze e buone pratiche nel mondo musicale.

LAZIOSound è un bellissimo progetto che da anni sostiene la creatività e il talento dei giovani musicisti. Un programma che punta a creare nuove sinergie tra i giovani talenti incoraggiando il percorso creativo degli artisti under 35. Ma non finisce qui, sappiamo bene che dietro il mondo della cultura e dellarte ci sono immense possibilità lavorative, un settore che però più di altri ha subito la crisi legata alla pandemia, e adesso c’è la necessità di dare una spinta in più, a partire proprio dai professionisti del mondo della musica e dai lavoratori dello spettacolo. LAZIOSound è quindi unoccasione in più che offriamo agli artisti del nostro territorio per favorirne la crescita e la visibilità anche a livello internazionale, per trovare nuove possibilità di lavoro e sostenere lintero indotto con azioni concrete. Lo dichiara il Presidente Vicario della Regione Lazio, Daniele Leodori.

“Sono stati 5 anni di grande soddisfazione per LAZIOSound che, nato come ‘semplice’ contest, oggi è diventato un punto di riferimento etico e d’eccellenza in particolare per i giovani che in questo speciale programma trovano occasione di crescita, formazione e confrontodichiara Lorenzo Sciarretta, Delegato alle Politiche Giovanili della Regione Lazio. Oggi infatti LAZIOSound, fiore all’occhiello di quelle Politiche Giovanili del Lazio che hanno voluto dare opportunità concrete e generative ai giovani del territorio affrontando un periodo difficile come quello della pandemia, è diventato un vero e proprio programma portante della regione, con l’organizzazione di concerti, eventi, il sostegno diretto a nuove produzioni e tourneè, la promozione degli artisti del Lazio in tutta Europa con programmi di scambio e il posizionamento all’interno di grandi contenitori musicali su scala internazionale. Perché la musica e la cultura sono lavoro vero e noi vogliamo sostenerle in quanto tali.