Jay Kay dei Jamiroquai: «Bello il cappello, ma non ero io a Washington»

Jay Kay dei Jamiroquai risponde in un video ironizzando sulla sua presenza a Washington dopo essere finito in tendenza su Twitter.
-
Jay Kay dei Jamiroquai: «Bello il cappello, ma non ero io a Washington»

I Jamiroquai a Washington? Ovviamente no. Gli eventi avvenuti al Campidoglio statunitense durante la proclamazione del Presidente Joe Biden hanno suscitato reazioni e critiche. E hanno fatto finire in tendenza su Twitter i Jamiroquai e i Village People. Soprattutto dopo che alcuni video che immortalavano quanto stava accadendo hanno iniziato a circolare sui social network e sui vari siti, puntando soprattutto sull’immagine dell’uomo che poi si è scoperto essere Jack Angeli (e sulle sue corna).

Jason Kay, voce dei Jamiroquai, ha quindi risposto con un video su Twitter smentendo ironicamente la propria presenza a Washington. La didascalia del video recita: «Buongiorno Washington, amo molto quel cappello ma non sono sicuro che sia la mia gente. State al sicuro, J».

LEGGI ANCHE: Donald Trump, Selena Gomez contro i social network: «Avete deluso gli americani»

«Buongiorno mondo. – aggiunge poi Jason Kay – So che alcuni di voi possono pensare di avermi visto a Washington la scorsa notte, ma temo che non ero io in mezzo a qui freak. Volevo solo augurarvi buon anno, sono secoli che non ci sentiamo. Sono in Inghilterra, in lockdown. Grazie per i messaggi di auguri di buon compleanno. Ho 51 anni e un po’ di capelli grigi. Ci piacerebbe rimetterci in pista, ma ovviamente non possiamo per il lockdown».

«Sono secoli che non vedo la band – aggiunge infine il frontman dei Jamiroquai – per cui mando una bbraccio anche a loro».

Good Morning Washington, loving the headgear, but not sure that’s my crowd. Stay safe everyone, J xxx pic.twitter.com/8Fuime28cc

— Jamiroquai (@JamiroquaiHQ) January 7, 2021