Una ‘Casa gigante’ per Deddy: «La verità è la mia nuova direzione»

Si intitola ‘Casa gigante’ il nuovo singolo di Deddy, che torna puntando sull’autenticità e alla verità da condividere. La nostra intervista.
-
loading

Tra i protagonisti di Amici 20, Deddy torna in radio e digitale con il nuovo singolo dal titolo Casa gigante, disponibile dal 13 gennaio. Il brano, scritto dallo stesso Dennis Rizzi e prodotto da Okgiorgio, è un pezzo che definisce una condizione più che un luogo. Quella dimensione fatta di persone che hanno scelto di restare, chi da sempre, chi per sempre e chi solo per un pezzo del viaggio.

“È concetto molto introverso, anche per quello che mi riguarda – ci spiega il giovane artista – Casa gigante nasce in un anno particolare per me. Era un anno sicuramente di transizione verso un ulteriore cambiamento e arrivavo già da un cambiamento molto importante. In fondo mi era cambiata la vita, mi è cambiato il lavoro, sono cambiate le abitudini, sono cambiate le persone che fanno parte della mia vita. Molte se ne sono andate, altre sono entrate, altre sono entrate se ne sono andate subito perché evidentemente non erano giuste per me, erano un po’ strette nella mia casa forse”.

Deddy
Foto da Ufficio Stampa Warner Music

Casa gigante racconta questo, perché siamo noi, alla fine, che scegliamo chi fare entrare”, dice Deddy. “Ed è quello che porteremo in giro con lo street tour con una sorta di casa che fa tappa in diverse città”.

Proprio come succede in uno spazio da riempire, ognuno può vedere ciò che più lo rappresenta. “Ritengo che il brano apra a una libera interpretazione perché può ognuno, a parer mio, la casa gigante se la immagina un po’ come vuole”, conferma l’artista. “In questo anno, soprattutto nei momenti difficili, mi sono reso conto che fondamentalmente io stavo bene quando facevo musica. Quando scrivevo e avevo la possibilità di confrontare la mia musica con le persone che mi permettono di farla. Avere un confronto diretto con loro e sapere di non essere giudicati bensì accettati e capito perché loro stessi si ritrovano in quello che dici”.

“Automaticamente – prosegue Deddy – non ti senti più solo. Io mi ci sono sentito spesso in questo anno proprio per tutti i cambiamenti che ci sono stati. Per me casa gigante è quello. E quale miglior modo di presentarlo se non con una casa senza pareti che permette a chi vuole di entrare? Poi c’è chi sceglierà di restare e chi di andarsene”.

LEGGI ANCHE: — Ciampa-Piccotti, fuori il 13 gennaio “Adios Nonino”, primo singolo dopo la vittoria del LAZIOSound

Una nuova direzione nel segno della verità

Quello che Deddy ha vissuto negli ultimi mesi è stato, di fatto, un processo di crescita che Amici ha reso più veloce sotto i riflettori della popolarità e che in qualche modo è stato ora completamente metabolizzato. Anche nel rapporto coi social. “C’è stato un periodo in cui io mi ero assentato molto dai social perché non volevo che la gente vedesse qualche lato di me forse troppo intimo. Ma mi sono reso conto che, nella realtà dei fatti, sono cose che vivono tutti e se io scelgo di fare musica e di raccontarmi perché non esporre anche quei momenti lì? È andato a chiudersi un po’ un cerchio se vogliamo”.

“Oggi vivo i social come la possibilità di mostrare la quotidianità, occasione per con condividere con i miei fan e con le persone che mi seguono una mia riflessione. E questa è una cosa a cui sono arrivato con il tempo, prima non lo facevo, ma penso sia la funzionalità dei social. E prima non l’avevo capita, adesso sì”.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Deddy (@sonodeddy)

Un’autenticità che si ritrova anche nella musica che Deddy ha nel cassetto. “Anche musicalmente abbiamo preso questa direzione, della verità. Casa gigante è vera in tutto e per tutto, con i pregi e i difetti che mi appartengono. Quindi anche la produzione, per esempio, non ha niente di digitale ma tutto suonato. Giorgio ha fatto un lavoro incredibile su questo perché si vede che il brano gli è piaciuto molto e ci si è ritrovato, lavorandoci con passione e sono contento che abbia fatto effettivamente un vestito cucito ad hoc sulla canzone, è magnifico”.

Casa gigante nasce completamente in maniera autobiografica quindi la sento tanto e tutto quello che andrà a riempire questa casa gigante, a livello musicale, avrà questa impronta. Sarà tutto autobiografico, tutto vero, tutte cose che ho vissuto”.

“In questi mesi sono andato a ricostruire quella che è una vita nuova”, prosegue l’artista. “Ho dovuto riscrivere la mia vita in qualche modo, mi sono trovato in una città, una nuova casa con le bollette da pagare. Insomma, ho dovuto riscrivere la mia routine dalla mattina in palestra al pomeriggio nel piccolo studio che ho in casa. E questa cosa mi sta portando tanto bene, perché sto nella mia intimità, scrivo la mia vita e poi la racconto con musica”.

Uno street tour per ‘Casa gigante’

Per presentare il singolo, Deddy ha scelto di portare la sua Casa gigante di città in città. “La copertina è proprio la rappresentazione di quello che andremo a fare con lo Street tour. Cioè la copertina è la postazione che ci sarà nel tour e ne rappresenta benissimo il concetto. C’è un paesaggio vastissimo con mobili e arredamento comunissimi, anche un po’ vintage. Anzi, la scelta dell’oggettistica rispecchia anche la canzone che è un po’ vintage”.

Casa gigante Deddy
Cover singolo da Ufficio Stampa Warner Music

Prima cover senza il primo piano dell’artista. “Sì, è stata una scelta che abbiamo preso tutti insieme con il team ed effettivamente non era il momento di mettere la faccia sulla copertina. Bensì mettere la faccia in quello che rappresenti e in quello che vuoi rappresentare. È più importante mettere la faccia lì che sulla copertina in questo momento”.

Ora non resta che affidare il brano all’ascolto di tutti. “Casa gigante appunto esiste da un po’ di tempo e oltre al team, le prime persone che l’hanno sentito sono i miei amici e la mia famiglia”, ci dice Deddy. “Devo dire che sono tutti fan di questa canzone e sono contento, più che altro, che le persone che mi stanno vicine sanno che quello che racconto in Casa gigante è effettivamente qualcosa che ho vissuto. Ora sono curioso di sapere cosa ne penserà il pubblico”.

Foto da Ufficio Stampa Warner Music