Malika Ayane alla Festa del Cinema di Roma: «L’immagine chiama sempre un suono, e viceversa»

Sul red carpet de 'Il Maledetto' alla Festa del Cinema di Roma incontriamo Malika Ayane. La nostra intervista.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Alla Festa del Cinema di Roma 2022, sul red carpet de Il Maledetto incontriamo anche Malika Ayane. Un’occasione per chiedere alla cantautrice che relazione ci sia tra cinema e musica e se questo connubio abbia mai giovato alle sue canzoni.

LEGGI ANCHE: Casadilego a Roma per ‘My Soul Summer’: «Ho lavorato sulle mie zone d’ombra»

«Devo dire che La Ragazza del Ponte ispirò Adesso è qui, la canzone del mio Sanremo più fortunato. Così come la cinematografia francese della nouvelle vague è stata fondamentale come riferimento per il mio ultimo album. Credo che il cinema e la musica, non perché io sia un genio ma perché è palese, siano due modi diversi di raccontare una storia. Insieme, però, rendono tutto perfetto».

LEGGI ANCHE: ‘Umberto Eco – La Biblioteca del Mondo’, Davide Ferrario e Stefano Eco: «Una biblioteca viva»

E, a proposito de Il Maledetto, il film di Giulio Base presentato alla Festa del Cinema di Roma, Malika ci rivela di essere molto curiosa di vederlo.

«Sono curiosa della proiezione – dice Malika – soprattutto perché pare non ci sia musica, tranne quella delle scene. Vedi che alla fine c’è sempre qualcosa che chiama un suono nell’immagine e viceversa! E poi Maledetto è proprio la mia parola».