Edoardo Ferrario e Luca Ravenna raccontano i loro ‘Beavis And Butt-Head’, tra comicità e musica

Su Paramount+ è disponibile il nuovo film originale ‘Beavis and Butt-Head alla conquista dell’universo’: l’intervista ai doppiatori italiani Edoardo Ferrario e Luca Ravenna.
-
loading

Nuovo titolo in esclusiva su Paramount+, il servizio di streaming di Paramount lanciato in Italia il 15 settembre 2022. Dall’11 ottobre, infatti, è disponibile il film originale Beavis And Butt-Head alla conquista dell’universo che vede Edoardo Ferrario e Luca Ravenna alle prese con il doppiaggio italiano dei due iconici protagonisti. Classe 1987, Ferrario e Ravenna erano poco più che bambini quando la serie animata irrompeva su MTV con la sua dose di ironia e scorrettezze.

“La prima cosa che abbiamo pensato vedendo Beavis e Butt-Head? Che erano attraenti proprio perché disturbanti”, ci raccontano i due stand-up comedian. “Avevo più o meno dieci, undici anni – prosegue Luca Ravenna (Beavis) – quando MTV lanciò la sua programmazione animata che, però, era per i grandi. Questi due personaggi erano molto respingenti e allo stesso modo molto attraenti, soprattutto per quell’età in cui eravamo”.

“Io – prosegue Edoardo Ferrario (Butt-Head) – pensai che erano proprio fichi. E poi ho scoperto che in effetti loro, in americano, dicono sempre ‘cool’. Erano molto simili a noi per quello era veramente come rivedersi in televisione. Quindi, stavamo a guardare MTV seduti sul divano, loro guardavano la tv sul divano ed era perfetto. Ti faceva sentire anche più grande non solo perché erano nati un po’ prima di noi ma anche perché dicevano porcate, cose che noi a undici anni ancora non potevamo dire!”, sorridono.

BEAVIS AND BUTT-HEAD TO THE UNIVERSE
BEAVIS AND BUTT-HEAD DO THE UNIVERSE streaming on Paramount+

La forza di una serie come Beavis and Butt-Head era data dal fatto che era molto libera e punk, nel senso estremo del termine, compresi anche I disegni diciamo non ricercati”, ci spiega ancora Ravenna. “La cosa importante è il divertimento di loro due sul divano e come diceva Edo di noi tutti spettatori sul divano”. Anche per questo, il linguaggio resta modern oggi come ieri. “Comunica in maniera molto efficace – osserva Ferrario – e poi non ci dobbiamo dimenticare che loro nel 1996 dicevano già cose che all’epoca non erano ben tollerate, altrimenti non avrebbero fatto ridere”.

“Dicevano cose erano sgradevoli anche all’epoca – prosegue l’artista romano – Oggi c’è più attenzione sulle cose che loro dicono semplicemente perché c’è una sensibilità maggiore verso alcuni temi che sono bersaglio della satira. Ma alla fine il bersaglio della satira di Beavis & Butt-Head sono Beavis & Butt-Head stessi come la migliore comicità. Quindi credo che il linguaggio sia molto efficace e molto attuale e direi che, con la sua irriverenza, ha fatto scuola”.

LEGGI ANCHE : – Paramount+: il teaser trailer di ‘Tulsa King’ con Sylvester Stallone

La musica di Beavis & Butt-Head

La serie, e oggi il film su Paramount+, non è solo comicità; c’è almeno un altro ingrediente a dare appeal alla storia: la musica. E, nello specifico, il rock alternativo e il punk. “Abbiamo scoperto tantissimi artisti”, confermano Edoardo e Luca. “C’è un botto di video che mettevano negli episodi e che non passavano su MTV”, ricorda quindi Ravenna “Quando di nascosto riuscivo a vedere la serie mi chiedevo chi fossero quelle band e perché non fossero mai in rotazione”.

“Non c’era internet ma iniziavi a memorizzare quei video che avevano un valore fortissimo che non ritrovavi nella musica pop più zuccherosa dell’altra programmazione MTV”, spiega Luca Ravenna “Ecco, io mi sentivo tipo educato ad andare verso quei programmi tipo Brand New”.

Io credo di aver scoperto i Nirvana grazie Beavis and Butt-Head”, ricorda poi Ferrario. “Ora che ci penso, ricordo un episodio in cui vedevano il video di Heart-Shaped Box con Elio e Faso che commentavano. Poi forse sono andato anche a cercarlo però all’epoca non li trovavi: dovevi andare al negozio di musica oppure comprare proprio il VHS dei Nirvana. Era proprio un’altra dimensione”.

Foto da Ufficio Stampa Paramount+