Damiano Carrara: «L’ingrediente vincente di ‘Bake Off Italia’? La semplicità»

Al via il 2 settembre su Real Time la decima edizione di ‘Bake Off Italia – Dolci in forno’. Confermato in giuria lo chef Damiano Carrara, la nostra intervista.
- - Ultimo aggiornamento
loading

La campanella di inizio suona il 2 settembre, quando torna in tv Bake Off Italia – Dolci in forno alla sua decima edizione. Il cooking show, targato BBC e prodotto da Banijay Italia, si prepara a una stagione speciale come sempre in onda in prima serata su Real Time. Condotto ancora una volta da Benedetta Parodi, il programma più dolce del piccolo schermo promette più di una novità. Come la new entry in giuria Tommaso Foglia, che affianca i confermatissimi Ernst Knam e Damiano Carrara.

Proprio il lucchese ci racconta con entusiasmo i lavori per Bake Off Italia 10, le cui registrazioni sono in corso a Villa Borromeo d’Adda in quel di Arcore (MB). “Sarà una stagione nuova, bella e piena di sorprese… a partire dal tendone che è tutto nuovo. Siamo alla decima edizione, con un nuovo giudice, un nuovo tendone e tante nuove sorprese. E siamo tutti pronti per deliziarvi il palato e lo sguardo”, ci dice chef Carrara.

“Sicuramente quest’anno, dopo due anni duri chiusi in casa, ho visto persone che hanno voglia di fare, voglia di crescere e di migliorarsi”, continua Damiano Carrara. “E hanno voglia di imparare questo bellissimo lavoro che è il mondo della pasticceria”.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Chef Damiano Carrara (@chefdamianocarrara)

Questa decima edizione promette un ritorno alle origini e alla pasticceria più tradizionale. “Le tendenze sono quelle di lavorare sempre con una materia prima buona, che sia di qualità e possibilmente a chilometro zero. E poi si cerca di non fare troppi pastrocchi, lavorando col pulito”, spiega Carrara.

LEGGI ANCHE : – ‘Bake Off Italia’, Benedetta Parodi: «Un bel ritorno alla tradizione»

A mettere in difficoltà gli aspiranti pasticcerie ci pensa il tempo. Afferma, infatti, lo chef: “il tempo è sicuramente è la cosa più difficile con cui i concorrenti hanno a che fare. A casa sembra tutto semplice ma quando ti vengono date due ore per preparare qualcosa per cui ce ne vogliono cinque, è ovvio che tutto diventa molto più complicato”.

Ma qual è l’ingrediente vincente di un format come Bake Off Italia? Carrara non ha dubbi. “È la semplicità del programma in sé: ci sono aspiranti pasticceri che devono migliorarsi giorno per giorno in percorso che è tale a tutti gli effetti. E il pubblico si immagina di essere in questo tendone, a fare dolci e cercare di imparare il mestiere

Foto da Ufficio Stampa MN