La Camba e il coraggio di andare ‘Controvento’: «L’arte ci insegna a cambiare»

È disponibile in radio e digitale ‘Controvento’, nuovo singolo della cantautrice La Camba che celebra la libertà e il coraggio di seguire la propria strada.
-
loading

Seguire la propria strada, senza piegarsi al vento che imperversa, significa percorrere la via più impegnativa. Che, spesso, coincide coi nostri desideri di bambini, quando non avevamo sovrastrutture e standard a cui adeguarsi. Così, la libertà di fare della propria vita ciò che si è sempre sognato diventa un percorso Controvento.

Si intitola proprio così il nuovo singolo della cantautrice La Camba che torna dopo i precedenti brani Qui e ora e Facci Caso. “È una dichiarazione di intenti e soprattutto alle donne serve una grande quantità di coraggio”, ci racconta Federica. “Non per fare chissà che cosa ma per avere la direzione verso se stesse e concedersi la libertà di essere se stesse. In questo periodo storico è forse la forma più grande di libertà che possiamo avere”.

LEGGI ANCHE: L’Alma di Gaia in 15 tracce: «Il coraggio è dire ciò che vedo e sento»

“Essere noi stessi può diventare un privilegio, che certe volte siamo noi a non concederci”, continua la cantautrice. “Piano piano ci amalgamiamo a un’idea di normalità verso la quale ci spinge la società. E, allora, fermiamoci a pensare: ‘ma io sono davvero questa cosa? Era questo quello che volevo per me?’”.

“Viviamo in un momento in cui cerchiamo il vento perché ci aiuti – spiega ancora l’artista – e fare il contrario è una scelta, più scomoda e difficile ma penso che ce ne sia davvero bisogno. Ogni forma d’arte ha questa responsabilità e ha sempre dato spunto per un cambiamento”.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da La Camba (@federicacambaofficial)

Ma si impara ad andare controvento? “Credo che si impari ad avere il coraggio di andarci”, risponde Federica che nel testo fa un uso precisissimo delle parole e in particolare della negazione ‘non’. “Controvento è nata di notte, per intero, ed evidentemente era qualcosa che avevo dentro ed è uscito in maniera prepotente. Quando ho scritto i primi tratti della melodia con le parole ho notato che, parlando delle cose che non ho fatto, usavo il passato e la negazione.

LEGGI ANCHE: Alessandra Mastronardi è ‘Carla’ nel primo film su Carla Fracci: «Ho fatto tutto per lei»

“Ho amplificato questa cosa non mettendo più il ‘non’ al presente se non dicendo ‘non me ne frega niente’ nel ritornello”, spiega Camba. “Le donne devono avere come monito per se stesse quello di tenere ben dritta l’attenzione su cosa fa bene e cosa no”.

A settembre 2021 l’artista è salita di recente sul palco dell’Arena di Verona in occasione del concerto evento di Marco Masini. “È stato un ritorno incredibile, dopo una grande mancanza – ricorda La Camba – è stato meraviglioso. Sto pensando di tornare presto dal vivo e intanto sono al lavoro sul mio terzo album: il palco mi è mancato troppo”.

Foto di Enrico Palmosi da Ufficio Stampa Parole & Dintorni