Merk & Kremont: «Divertirsi è una necessità e chi fa musica lo sa bene»

Merk & Kremont ci raccontano il nuovo singolo 'She's Wild' e ci spiegano perché la musica è necessaria in ogni momento.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Si intitola She’s Wild feat. The Beach il nuovo singolo di Merk & Kremont, da venerdì 12 febbraio in radio e in digitale. Dopo aver ottenuto il Disco di Platino per Sad Story (Out Of Luck), brano con oltre 27 milioni di stream su Spotify, e per Hands Up feat. DNCE, tormentone dell’estate 2018 con oltre 31 milioni di stream su Spotify, i due giovani dj e producer tornano con un’altra collaborazione internazionale.

«Il pezzo è nato una delle ultime settimane prima del lockdown. – ci rivela il duo – Eravamo a Londra e ci siamo visti con questo ragazzo per la prima volta. Lui è, appunto, The Beach. Abbiamo scritto il brano di getto nel pomeriggio, che è la cosa migliore. Siamo molto felici del risultato».

LEGGI ANCHE: Francesca Michielin & Fedez: «Noi all’Eurovision? Pensiamo a viverci Sanremo»

Merk & Kremont hanno da poco pubblicato Do It per Buzz Low con la Spinnin’ Records, una delle etichette di musica elettronica più importanti al mondo, entrando subito nella New Music Friday e nella prestigiosa playlist Friday Cratediggers.

She’s Wild è, tuttavia, un brano più happy.

«Ultimamente, un po’ per la pandemia e un po’ per la solitudine e il trend musicale, non c’è più una grande offerta di canzoni spensierate. – ci raccontano Merk & Kremont – Il nostro è un augurio per un periodo un po’ più lieto, che speriamo possa arrivare presto. Stiamo comunque lavorando tantissimo su produzioni per i nostri DJ set. La voglia di ballare e assembrarsi sarà dura a morire, probabilmente sarà sempre più desiderata. Solo ora ci accorgiamo di quanto fosse importante. Stiamo cercando di fare una proiezione di quello che potrebbe essere il sound di domani».

Per il momento, Merk & Kremont sono – da un lato – «canzoni pop, radiofoniche e happy» e, dall’altro, «canzoni da discoteca».

«Sono due filoni diversi ma paralleli. – ci spiegano – I rapper fanno canzoni più commerciali e canzoni che accontentano i fan della trap. Sono cose che vanno di pari passo. Anche noi abbiamo bisogno di percorrere entrambe le strade. Ci sentiamo tranquilli perché, a livello di riconoscibilità del sound, siamo sempre stati apprezzati. Anche nelle produzioni degli altri».

Del resto, il «grande segreto» di Merk & Kremont è quello di dedicarsi sempre anche ad altro.

«Altri colleghi si focalizzano solo sul loro filone e quasi aprioristicamente scrivono gli stili del loro sound. Si chiudono in una sorta di scatola. Noi cerchiamo di rompere la nostra scatola facendo produzioni anche per terzi».

Di sicuro, la pandemia ha fermato i live e Merk & Kremont ci confessano che è dura, ma che – di positivo – c’è «che abbiamo avuto la possibilità di stare molto in studio».

«Divertirsi è una necessità e chi fa musica lo sa bene. – concludono – Noi che facciamo i DJ lo sappiamo ancora meglio. È il nostro lavoro far divertire le persone. Noi non suoniamo per noi ma per il pubblico, è il vero grande segreto dei DJ».