Sherol Dos Santos, ‘Disarmata’: «L’importante è ripartire, sempre»

Da mercoledì 8 luglio è disponibile per Instant Crush Records ‘Disarmata’, il nuovo singolo di Sherol Dos Santos. La nostra intervista.
-
loading

“Libera da ogni mio giudizio e da quelli come te”: così canta Sherol Dos Santos in Disarmata (Instant Crush Records), il nuovo singolo dell’artista disponibile a partire da mercoledì 8 luglio.  Il brano, dagli echi mozartiani su un tappeto elettronico e accenti rock, arriva dopo l’entusiastica accoglienza delle precedenti tracce Pleiadi e Self Control.

Disarmata è una canzone che ha un significato molto intimo e personale ma che, per un motivo o per l’altro può aver riguardato un po’ tutte le donne. – ci spiega la cantante – Ognuna di noi a volte si è sentita disarmata nelle proprie relazioni sentimentali, quelle che non sono poi andate bene.”

“Bisogna sempre essere forti e consapevoli di chi si è – continua Sherol – e che sia ha sempre, dentro, la forza per ripartire. Quindi, Disarmata non ha un significato arrendevole, ma può essere interpretato più che altro come una sorta di lotta pacifica quando diventa inutile continuare a lottare e litigare. A soffrire.”

Le donne sono fortissime: dobbiamo riappropriarci della nostra forza e andare avanti, sempre, perché siamo essere bellissimi e complessi nella nostra sensibilità.

LEGGI ANCHE: Pelle, ‘Riso in Bianco’: «La musica mi ha salvato quando mi sentivo incompleto»

Smettere di lottare non significa, quindi, arrendersi ma riappropriarsi della vita e delle cose. Questo è il messaggio di Sherol Dos Santos nella sua nuova traccia che lei stessa fatica a far rientrare entro una precisa definizione di genere. “Ho difficoltà a definirla perché è un po’ elettronica, con qualche accenno alla musica classica con dei vocalizzi. E nell’interpretazione ci ho messo anche un po’ di R’n’B. ne è venuto fuori un miscuglio che la rende non definibile.”

Ho sempre cantato oltre che per sfogare le mie emozioni anche per la mia famiglia, la mia mamma: si sacrifica per me da quando sono nata. E si merita ogni bene.

“Durante la quarantena mi sono concentrata sullo scrivere canzoni e imparare cose nuove – spiega Sherol in merito agli ultimi mesi – Io prima non scrivevo e lo stare molto tempo a casa, sola con me stessa, mi ha spinto a provare con la scrittura. Ora che il mio progetto sta fortunatamente ripartendo, Disarmata trova il suo significato anche nello spazio – tempo. Ed è questo l’importante: ripartire sempre. Più forti di prima”

Foto di Luca Perazzolo