Shade: «Autostop, la canzone giusta per questa estate»

Il 16 giugno esce 'Autostop', il nuovo singolo di Shade. Un brano nato a ottobre ma perfetto nel descrivere un anno così insolito.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Il 16 giugno esce Autostop, il nuovo singolo di Shade, prodotto Jaro in collaborazione con il team di Itaca. Il brano è stato scritto lo scorso anno, ma nel testo sembra quasi descrivere un’istantanea dei primi mesi del 2020, caratterizzati dall’inatteso lockdown causato dalla pandemia.

«Autostop è nata a ottobre – ci dice infatti Shade – avevo questa base e ho provato a metterci delle parole. Poi è arrivato il lockdown e, quando ho ripreso in mano Autostop, mi sono reso conto che il testo descriveva questo momento. Alcune cose le ho cambiate, ma neanche troppo».

Come sempre, il rapper ha anticipato il brano con un freestyle sui social. Stavolta, però, con una maestria innegabile Shade ha messo insieme dieci generi differenti in un solo minuto.

LEGGI ANCHE: Shade: «’Allora Ciao’, mai scritto un pezzo così intimo»

«Ho sempre paura che i freestyle vadano meglio dei singoli, stavolta non me l’aspettavo. – commenta in proposito – Ho pubblicato molti freestyle in questo periodo, quindi volevo fare qualcosa di diverso e ho mischiato 10 generi tra loro. Da Bando a Auto Blu, passando per il reggaeton di Mamacita dei Black Eyed Peas e per Il Barbiere di Siviglia. Sono riuscito a incastrare tutto in un minuto. Mi ha dato una mano Jaro a incollare le basi, ma non pensavo andasse così bene».

«Sto crescendo, piano piano. Lo so, ci ho messo solo 30 anni. – continua Shade – Avevo scritto altre canzoni ma secondo me non ci stavano. Non erano quello che serviva adesso, sia a me come artista che alle persone che mi ascoltano. Questa è l’estate migliore per rischiare un po’».

Shade ci anticipa qualcosa anche dall’album, in lavorazione da mesi.

«L’album è in lavorazione – commenta infatti – l’obiettivo è fare altri pezzi e vari featuring sia nel mondo rap che in quello pop. Se pensi ai featuring nel pop, non ne fanno molti e a me piacerebbe vedere qualcosa di diverso».