La Rappresentante di Lista: «L’emozione di Sanremo è ineffabile»

A Sanremo abbiamo incontrato La Rappresentante di Lista, ospite di Rancore nella serata delle cover. Ecco la nostra intervista.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Sono saliti sul palco dell’Ariston nella serata delle cover per interpretare – insieme a Rancore e Dardust – una versione del tutto rinnovata di Luce di Elisa. E così il grande pubblico ha avuto modo di avere un assaggio dell’arte de La Rappresentante di Lista – duo composto da Veronica Lucchesi e Dario Mangiaracina – il cui mondo è però molto più vasto e tutto da scoprire.

Il 2020, infatti, si apre non solo con Sanremo ma anche con un brano – Questo corpo (estratto dall’ultimo album Go Go Diva) – inserito all’interno della colonna sonora della serie The New Pope, creata e diretta da Paolo Sorrentino. E da marzo parte il tour indoor – LRDL 2020 – che farà tappa anche a Parigi e Londra.

«Salire sul palco dell’Ariston è un’emozione che ti devasta. – ci racconta Veronica, che incontriamo al Teatro Ariston – Devo dire che non ho ancora trovato le parole per descriverla in maniera puntuale. Si sono concentrate tutte le emozioni in un’unica bomba emotiva».

«La versione di Luce è incredibile. – aggiunge Dario – Rancore ha riscritto il testo delle strofe in modo veramente funzionale ed emotivamente forte».

LEGGI ANCHE: Diodato, ‘Che vita meravigliosa’: «Quello che mi riempie di gioia»

Sanremo, del resto, è un palco importante soprattutto per musicisti che hanno modo di suonare con l’orchestra, annusando «la realtà di un ensemble così prestigioso. Quello che si prova sul palco è ineffabile».

E sul tour in partenza, i due artisti de La Rappresentante di Lista si mostrano già emozionatissimi.

«Partiremo da Livorno e gireremo un po’ tutta l’Italia, toccando anche Londra e Parigi. – ci anticipano – Sarà uno spettacolo un po’ diverso, con delle novità. Cercheremo di tirar fuori un lato teatrale e di creare una piccola drammaturgia interna».

«Il palco – conclude Dario – è il luogo e il tempo dove accade una delle cose più belle che c’è nella musica, la comunicazione».