Meg annuncia l’album ‘Vesuvia’: «Chiamati alla sacra danza della vita»

Meg torna con un nuovo progetto discografico dal titolo ‘Vesuvia’, un magma di suoni dark ed eleganti che è ‘esploso’ per danzare.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Eclettica e visionaria, la cantautrice e produttrice partenopea Meg annuncia il nuovo album di inediti ‘Vesuvia’ (pre-order qui). Disponibile per Asian Fake/Sony Music dal 30 settembre, il progetto – come già il titolo suggerisce – è profondamente legato alla città di origine da cui trae la sua ispirazione più viscerale. Ad anticiparlo, i due singoli Non ti nascondere e Fortefragile, che fanno parte di un corpus di dodici tracce prodotte dalla stessa Meg con collaborazioni importanti.

Al disco, infatti, hanno lavorato Frenetik, Orang3, Fugazza, Suorcristona, Tommaso Colliva e David Chalmin mentre mix e master sono a cura di Andrea Suriani. E nella tracklist non mancano interessanti featuring con Elisa ed Emma, Altea, Alice, SANO e specchiopaura del collettivo napoletano Thru Collected, NZIRIA e con la pianista francese Katia Labèque.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Meg (@meg_muzic)

Mese dopo mese, le canzoni hanno preso forma rimanendo poi latenti nel periodo dell’emergenza sanitaria dovuta alla pandemia. Per poi riaccendersi, riprendere vita, come un vulcano che torna a farsi sentire in un’eruzione vulcanica improvvisa. “Mi sono sentita instancabile, quasi posseduta da un’energia vitale dimenticata. Mi sono detta ‘è Vesuvia che sta facendo questo lavoro per me!’”, ha affermato l’artista.

“Spesso siamo troppo impegnati per ricordarci che siamo stati chiamati su questa terra per la sacra danza della vita”, continua Meg . “‘Vesuvia’ mi ricorda di danzare e di cercare di rendere la mia danza contagiosa”.

La genesi di ‘Vesuvia’ nelle parole di Meg

La cantautrice racconta così la genesi e il significato di ‘Vesuvia’: “nasce dalla costante minaccia che tutto ciò a cui tieni possa svanire. D’improvviso. Questo è il destino di chi vive vicino a un vulcano, ma ‘Vesuvia’ quando esplode non porta devastazione, non sputa lapilli e cenere. La sua lava è composta da pentagrammi. La sua lingua di fuoco non devasta villaggi, ma fa danzare chiunque la sfiori”.

LEGGI ANCHE : – Niccolò Fabi emoziona con il nuovo singolo ‘Andare oltre’

“Sono cresciuta alle falde del Vesuvio – prosegue Meg –  la sua sagoma è casa e sento il suo richiamo sempre, anche quando sono dall’altra parte del mondo. Lo sogno di notte in maniera ricorrente: sin da bambina sono ossessionata da lui, è una presenza imponente nella mia coscienza ed è parte indissolubile di me. Ogni sua zolla, ginestra, sentiero, è come se fossero mia cellula, capello, ruga. È mia madre e mio padre. Da quando ho aperto gli occhi lui è il mio imprinting.”.

“VESUVIA è la vita. VESUVIA è la natura. VESUVIA è negli opposti. VESUVIA è chaos armonico. VESUVIA è abbondanza. VESUVIA è creatività che scatena musica. VESUVIA è la parte più vitale, profonda, feconda e selvatica di me”.

Meg

Come pianeti dello stesso Sistema Solare, i brani hanno una propria identità ma sono legati da una forza gravitazionale che è il suono dark ed elegante. “Una tana scura, una casa-cratere, un tempio nascosto in cui accadono riti solenni, dove si piange per un mondo che va a rotoli e dove si ride fino alle lacrime, perché la vita è un magma di macigni di dolore e gioia leggera”.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Meg (@meg_muzic)

La tracklist di ‘Vesuvia’

  1. Napolide (feat. Nziria)
  2. Solare
  3. Aquila (feat. Elisa & Emma)
  4. Non Ti Nascondere
  5. Principe Delle Mie Tenebre
  6. Scusa Se Sono Felice
  7. Ciglia
  8. Arco & Frecce (feat. Altea, Alice, Sano, Specchiopaura)
  9. Formiche
  10. Fortefragile
  11. She’s Calling Me (feat. Katia Labèque)
  12. Grazie

Cover da Ufficio Stampa / Foto di Mattia Guolo – AsianFake da Ufficio Stampa Astarte Agency