Emmy Awards 2022, ‘Succession’ e ‘The White Lotus’ sono le serie più nominate

Con 25 e 20 nomination le serie tv ‘Succession’ e ‘The White Lotus’ guidano le candidature ai 74° Primetime Emmy Awards 2022.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Sono due serie in esclusiva su Sky e in streaming solo su NOW a guidare le nomination per i 74° Primetime Emmy Awards 2022. Succession e The White Lotus si sono, infatti, aggiudicate rispettivamente 25 e 20 candidature. E non si tratta degli unici titoli di casa Sky dal momento che anche gli attori di molte serie in onda si sono distinti concorrendo al prestigioso riconoscimento.

Tra i nomi più in vista c’è, per esempio, Zendaya, la donna più giovane ad avere ottenuto due candidature consecutive come miglior attrice. Inoltre, è nominata come miglior produttrice per Euphoria, serie di Sam Levinson con 16 nomination e candidata anche fra le migliori serie drammatiche della stagione. L’attrice è in lizza anche nella categoria di miglior colonna sonora con due brani da lei co-firmati (Elliot’s Song e I’m Tired).

La serie The Flight Attendant, invece, fa conquistare una candidatura a Kaley Cuoco per la sua performance nella seconda stagione. E ancora, il true crime The Staircase – Una morte sospetta in onda su Sky Atlantic porta Colin Firth e Toni Collette a ottenere una nomination ciascuno (miglior attore e attrice in una miniserie o film per la TV). In gara con Firth c’è anche Oscar Isaac, co-protagonista di Scene da un matrimonio, rilettura del classico di Ingmar Bergman.

LEGGI ANCHE : – Giulia Stabile al doppiaggio ne ‘Il mostro dei mari’

Tra gli altri titoli agli Emmy Awards 2022 su Sky spunta, poi, Yellowjackets candidato come miglior serie drammatica mentre Melanie Lynskey è in corsa come miglior attrice protagonista. Per Christina Ricci arriva, invece, la nomination come miglior non protagonista in una serie drammatica. Infine, la dark comedy Barry – attualmente su Sky con le prime due stagioni – entra nelle seguenti categorie: come miglior serie comedy, miglior attore protagonista (Bill Hader, segnalato anche per la regia), miglior attore non protagonista (Anthony Carrigan e Henry Winkler) e miglior sceneggiatura.

Foto da Ufficio Stampa Sky