Carmen Consoli all’Arena di Verona: la festa per i primi 25 anni di carriera. Bentornata Cantantessa!

L'Arena di Verona palcoscenico perfetto per festeggiare i primi 25 anni di carriera di Carmen Consoli. Tanti gli amici artisti presenti
- - Ultimo aggiornamento
loading

Una serata magica, un vortice di emozioni per i seimila spettatori che hanno gremito l’Arena di Verona. Carmen Consoli festeggia 25 anni di carriera nel tempio per eccellenza della musica con tanti artisti, colleghi ma soprattutto amici con i quali ha condiviso tante tappe dell’intenso percorso.

Carmen Consoli all’Arena di Verona: 25 anni di carriera. Bentornata cantantessa!

Ad aprire le danze del live all’Arena di Verona di Carmen Consoli è stata l’eleganza, la delicatezza e la bravura di Donatella Finocchiaro, che con la sua voce ha accompagnato il pubblico recitando in versi alcuni passaggi del testo di Volevo fare la rockstar, il nuovo disco di inediti di Carmen che vedrà la luce il prossimo 24 Settembre. Poi entra lei, la Cantantessa per eccellenza: che la meritatissima festa abbia inizio.

Si parte con Quello che sento (brano di esordio presentato a Sanremo Giovani nel lontano 1996) eseguito solo chitarra e voce, per proseguire con Parole di burro in cui entrano band e orchestra. Poche parole quelle che Carmen dice sul palco: a parlare sono la musica e le canzoni eseguite con l’aiuto di colleghi e amici di una vita. Come Mario Venuti, primo guest ad affiancarla in questa serata, con cui si esibisce in Amore di plastica e Mai come ieri.

Poi è il momento di Elisa, il suo contraltare nordico, come la definisce la stessa Consoli. Standing ovation per lei e duetto da brividi su Blunotte. Prima di eseguire Promettimi, Elisa racconta l’emozione e l’onore di essere presente in questa serata:

«Sono in paradiso, sono emozionata».

È poi la volta di una prima volta (perdonate il gioco di parole) perché sul palco sale Irene Grandi. Insieme eseguono Venere e, prima di attaccare Se mi vuoi, Irene confessa:

«È una grande emozione per me, perché questa sera per la prima volta eseguo questo brano in duetto senza la persona con cui l’ho realizzato».

Sta parlando del grande Pino Daniele. È il primo omaggio agli amici a quei grandi artisti che purtroppo non ci sono più. E ne seguiranno altri.

Dopo Manuel Agnelli e Rodrigo D’Erasmo è il momento degli amici di una vita come Max Gazzè, Daniele Silvestri e Marina Rei: il palco si trasforma in una sala prove o in un… locale, se volete. Primavera, Vento d’estate, Le cose che abbiamo in comune, Confusa e felice, Al di là di questi anni: i quattro si divertono, è una band che promette bene…! E quando alla scuola romana si aggiunge Finaz, il pubblico dell’Arena si scatena sulle note di Beppeanna in omaggio all’amato Erriquez e alla Bandabardò.

Ma è tempo di asciugare le lacrime e lasciare spazio ad altri amici: Samuele Bersani, Nada, Tosca, Colapesce e Dimartino e infine Levante (la picciridda, come l’ha affettuosamente chiamata Carmen).

«Io in realtà sono una di loro del pubblico, perché sono una tua grande fan» racconta Claudia (Levante) che è entrata sul palco duettando su Bonsai Oderc, uno dei brani cult per i fan di Carmen.

Il tempo vola, e non ce ne accorgiamo. 

C’è tempo per un ultimo brano, un ultimo omaggio a Franco Battiato, il Maestro di tutti. Sul palco tornano Mario Venuti, Colapesce & Dimartino, Levante e Tosca per eseguire Stranizza d’anuri insieme a Carmen.

Sono passati 25 anni dall’esordio di una ragazzina minuta e grintosissima, oggi donna, mamma e rockstar. Non temete: la grinta e l’energia di Carmen Consoli ci sono ancora tutte. Tanto che, archiviato il concerto all’Arena di Verona, la Cantantessa si appresta non solo a ricambiare l’ospitalità di Colapesce e Dimartino (come ha spoilerato lei stessa, sarà al loro concerto di Taormina il 28 agosto), ma soprattutto si appresta a lanciare un nuovo album di inediti. Uscirà infatti il prossimo 24 Settembre Volevo fare la rockstar, e noi non vediamo l’ora di ascoltare e di accompagnare la Cantantessa in nuove tappe del suo percorso.

Scaletta concerto Mediamente Tour:

1 – Quello che sento
2 – Parole di burro
3 – Pioggia d’aprile
4 – Fiori d’arancio
5 – Amore di plastica (con Mario Venuti)
6 – Mai come ieri (con Mario Venuti)
7- Orfeo
8 – Blunotte (con Elisa)
9 – Promettimi (con Elisa)
10 – L’eccezione
11 – Venere (con Irene Grandi)
12- Se mi vuoi (con Irene Grandi)
13 – Contessa miseria
14 – Bianca (Manuel Agnelli e Rodrigo D’Erasmo)
15 – Quello che non c’è (Manuel Agnelli, Rodrigo D’Erasmo, Elisa)
16 – Primavera (Marina Rei)
17 – Vento d’estate (Max Gazzè, Daniele Silvestri, Marina Rei)
18 – Le cose in comune (Max Gazzè, Daniele Silvestri, Marina Rei)
19 – Al di là di questi anni (Max Gazzè, Daniele Silvestri, Marina Rei)
20 – Confusa e felice (Max Gazzè, Daniele Silvestri, Marina Rei)
21 – Beppeanna ((Max Gazzè, Daniele Silvestri, Marina Rei, Finaz)
22 – Ultimo Bacio (Samuele Bersani)
23 – Giudizi Universali (Samuele Bersani)
24 – ‘A finestra (Nada)
25 – Senza un perché (Nada)
26 – Guarda l’alba
27 – Mandaci una cartolina (Tosca)
28 – Piazza Grande (Tosca)
29 – Luna Araba (Colapesce Dimartino)
– Bonsai Oderc (Levante)
30 – Lo stretto necessario (Levante)
31 – Fino all’ultimo
32 – In bianco e nero
33 – Stranizza d’amuri (Mario Venuti, Colapesce e Dimartino, Levante, Tosca)
34 – ‘Volevo fare la rockstar’ strumentale

Crediti foto: MNComm